Tennis, Sinner in finale a Washington. Musetti escluso da Toronto per colpa di un panino

Pubblicità
Pubblicità

Jannik Sinner prosegue la sua corsa nel “Citi Open”, torneo Atp 500 da 1.895.290 dollari in corso sui campi in cemento di Washington DC. Il 19enne di Sesto Pusteria, numero 24 del ranking e quinta testa di serie, si è infatti qualificato per la finale – la terza stagionale per lui e quarta in carriera – liquidando in due set lo statunitense Jenson Brooksby, numero 130 ATP e in gara con una wild card, con il punteggio di 7-6 (2) 6-1, dopo un’ora e 35 minuti di gioco. Sinner si giocherà il titolo domenica contro il vincente della seconda semifinale tra il giapponese Kei Nishikori e l’americano Mackenzie McDonald.

Violazione protocollo Covid, Musetti squalificato a Toronto

Lorenzo Musetti squalificato. Il 19enne di Carrara non è potuto scendere in campo nelle qualificazioni del “National Bank Open” di Toronto, quinto ATP Masters 1000 stagionale, a causa della sanzione che gli è stata inflitta dagli organizzatori con la motivazione ufficiale “di aver violato il protocollo anti-Covid 19”. Secondo la ricostruzione del sito della Federtennis, non potendo mangiare in hotel, a Musetti “è stato consigliato un ‘delivery’ a poche decine di metri dall’albergo, dove per pagare serviva la sua carta di credito. Il servizio online con recapito dell’ordinazione direttamente in hotel non funzionava e a Lorenzo – sottolinea il sito della Fit – è stato detto che doveva recarsi personalmente. La security lo ha notato mentre si procurava il cibo e ha considerato questa una violazione del protocollo, denunciandolo ai responsabili del torneo che hanno così preso il provvedimento di escluderlo dalla competizione, sostituendo il giovane azzurro nel tabellone di qualificazione con l’australiano Max Purcell”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source