083215682 828731e0 954e 4c5a b2d3 d02ac3f45679

Termini, la vergogna di Roma: “Io, in sedia a rotelle sono sceso così”

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

083215682 828731e0 954e 4c5a b2d3 d02ac3f45679

Bloccato sulla banchina della metropolitana, senza possibilità di uscire, a causa dell’ascensore rotto. È accaduto a Termini, a Dario Dongo, utente (e avvocato): per passare dalla linea B, su cui viaggiava, alla A, alla fine altri passeggeri l’hanno dovuto sollevare e trasportare di peso. Perché, altrimenti, sarebbe rimasto lì.

È accaduto nel primo pomeriggio di ieri, attorno alle 16, nella principale stazione capitolina. Dario Dongo, già altre volte rimasto bloccato in metro, è sceso dalla linea B con la sua sedia a rotelle. Da quella banchina avrebbe dovuto raggiungere la linea A, per poi fermarsi a Flaminio. Ma a Termini gli ascensori erano fuori uso.

Così, spiega, “col supporto di tante brave persone, che mi hanno tirato su di peso, sono riuscito ad arrivare nella banchina della metro A.

Poi, anche arrivato a Flaminio ho avuto gli stessi problemi: nuovamente sono stato aiutato da altri utenti per uscire in superficie “. Non è la prima volta che Dongo rimane bloccato in metro per montascale e ascensori non funzionanti: “Ho già sporto tre denunce e non è escluso che la quarta sia per quanto mi è accaduto ieri. Non si tratta solo di disabilità: potrebbero esserci anziani, persone con scompensi cardiaci, genitori con passeggino” .

Solo lungo la linea A sono dodici le stazioni interessate da guasti. Poco meno sono quelle lungo la B/B1. Problemi tecnici anche sulla C e sulle ferrovie Roma-Lido e Roma-Viterbo.
 



Go to Source