Terzo test per la portaerei Gerald R. Ford: l’esplosione in mare provoca un terremoto 

Pubblicità
Pubblicità

La Marina Militare Americana ha diffuso le immagini dell’ultimo “shock Trial”, esplosione controllata avvenuta a 166 chilometri dalla costa della Florida per testare la portaerei USS Gerald R. Ford. I “Full Ship Shock Trial” sono tre test – realizzati nel corso di alcuni mesi – che hanno lo scopo di simulare le performance della nave in uno scenario di guerra; consistono nel far detonare una carica da 20 tonnellate di esplosivo sott’acqua accorciando progressivamente la distanza tra l’esplosione e la portaerei. La detonazione ha provocato un terremoto di magnitudo 3.9 registrata dallo Usgs, lo United States Geological Survey.

Il capitano Brian Metcalf ha spiegato che l’obiettivo dei test era assicurarsi che le prestazioni del sistema integrato di combattimento della Ford funzionasse a dovere: “I test hanno dimostrato – e provato all’equipaggio in modo evidente – che la nave è in grado di resistere a urti formidabili e a operare in condizioni estreme”.

 La USS Gerald R. Ford è la portaerei più avanzata (e costosa) mai costruita dagli Stati Uniti. E’ stata inaugurata tre anni fa ma è ancora alle prese con alcune modifiche tecniche. E’ lunga 337 metri, larga 78, due reattori nucleari per la probulsione e una velocità massima di oltre 30 nodi (più di 55 km all’ora).

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source