Tim, dalla rete ai cavi sottomarini: ecco quanto valgono i gioielli dell’ex monopolista

Pubblicità
Pubblicità

MILANO – La somma delle parti di Telecom Italia, vale a dire la rete (l’ultimo miglio di Fibercop ma anche quella primaria), le torri (Inwit), il Brasile (il 66% di Tim Participações), il cloud di Noovle, la ciber-sicurezza di Telsy (2,50-350 milioni), i cavi sottomarini di Sparkle (valutata 1,3-1,6 miliardi), i servizi Ict di Olivetti  (550-650 milioni) e così via valgono molto di più di tutta l’azienda, di qui il crescente interesse dei fondi infrastrutturali come l’americano Kkr (che informalmente ha fatto un ‘offerta indicativa di 11,9 miliardi o 0,505 per azione), ma anche di tutti i nomi più blasonati della finanza mondiale, come Advent, Bain, Cvc e molti altri ancora che in questo momento starebbero…

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

0,25 € alla settimana per tre mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,50€ a settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source