Tokyo 2020, il riscatto di Simona Quadarella medaglia di bronzo negli 800 sl: “Ho avuto un’altra possibilità”

Pubblicità
Pubblicità

Cercava la cattiveria che le è mancata nei 1.500 (5^), l’ha trovata. Simona Quadarella è di bronzo negli 800 stile a Tokyo. La romana, 22 anni, è la prima tra gli umani: gestisce la gara fino a metà nuotando in quarta posizione, poi ai 450 avanza al terzo posto e lo mantiene fino al tocco (8’18”35). Vince l’oro l’americana Katie Ledecky (8.12.57) al 2° titolo in Giappone dopo quello nella maratona. Alla fenomenale nuotatrice della Tasmania, Ariarne Titmus, che l’ha battuta nei 200 e nei 400, “solo” l’argento (in  8’13”83).

Entrata in finale col 3° tempo (8’17″32), per Simona “la cosa più difficile è stata metabolizzare il risultato dei 1500 che non mi aspettavo”. La campionessa europea col triplete a Glasgow 2018 e Budapest nel maggio scorso vincendo 400, 800 e 1500 stile libero, tesserata con l’Aniene e allenata da sempre da Christian Minotti, si era detta dopo la delusione nei 1500.

“Ho un’altra possibilità fortunatamente e devo sfruttarla. Se ci metto testa e cuore posso fare bene. Mi sono voluta rimettere in gioco con gli 800, che sono la gara che preferisco, nella finale tante avversarie forti. La gara precedente è andata e adesso non è il momento di pensare agli errori commessi e alla gastroenterite, ma di mettere tutta me stessa in questa nuova finale. L’Olimpiade è una gara diversa da tutte le altre. perché ognuno ci mette un po’ di più, la cattiveria. Dovrò farlo anche io”. Lo ha fatto.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source