Traforo del Monte Bianco bloccato dagli attivisti per l’ambiente: “Basta combustibili fossili”

Pubblicità
Pubblicità

Attivisti del collettivo ambientalista Ultimo rinnovamento e del movimento italiano Ultima generazione hanno bloccato, alle 12:30 di oggi per un’ora, i due ingressi del traforo del Monte Bianco, a Chamonix sul versante francese e ad Aosta sul versante italiano.

“Con una sola voce, i cittadini chiedono che i nostri governi agiscano sul cambiamento climatico. Questo mondo viene condannato davanti ai nostri occhi”, hanno scritto su Twitter in una serie di post accompagnati da foto in cui si vedono attivisti sventolare uno striscione mentre bloccano un strada che conduce al tunnel. “L’impatto economico di questo lockdown è nulla in confronto ai miliardi di euro sprecati ogni giorno bruciando combustibili fossili – continuano – I nostri governi sono chiusi in un atteggiamento attendista per troppo tempo e non sono nemmeno in grado di far fronte ai propri impegni”.

Extinction Rebellion alzano un muro di due metri davanti all’assessorato all’Ambiente di via Principe Amedeo

Il gruppo Autoroutes et Tunnel du Mont Blanc (ATMB) riferisce sul proprio sito che “l’accesso al traforo del Monte Bianco è interrotto dai manifestanti sul versante francese” con la formazione di un “un chilometro di coda”. Il presidio improvvisato è stato fatto sgomberare e attorno alle 14 la situazione è tornata alla normalità.

Extinction Rebellion alzano un muro di due metri davanti all’assessorato all’Ambiente di via Principe Amedeo

Gli attivisti rischiano una denuncia per manifestazione non preavvisata, resistenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio. Durante la protesta non violenta la circolazione è proceduta a singhiozzo, con code e rallentamenti. Sul posto anche Digos, scientifica e volanti della questura di Aosta, con la polizia stradale a regolare il traffico.

Torino, denunciati 13 attivisti di Extinction Rebellion

Sul versante francese il blocco degli attivisti di Dernière Rénovation è stato rimosso dalla Gendarmerie. Qui i militanti – si legge sul profilo twitter dell’organizzazione – erano una ventina e hanno distribuito caffè a chi era rimasto bloccato in coda. Un camionista ha ricambiato offrendo loro dei dolci.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source