Trattato del Quirinale, Mattarella vede Macron: “Investimento per il futuro. Insieme costruiremo un’Europa più forte”

Pubblicità
Pubblicità

Il trattato del Quirinale è “un investimento per il futuro di Italia e Francia”. Ed è un modo per rendere più forte l’Europa.

E’ il pensiero espresso dal presidente Sergio Mattarella durante il faccia a faccia con il presidente francese Emmanuel Macron stasera a Roma.

“La firma del trattato per una cooperazione bilaterale rafforzata è un risultato importante, un testo di ampio respiro”, lo ha definito il Capo dello Stato. “Unisce due paesi fondatori dell’unione europea che condividono l’impegno per la costruzione del grande progetto europeo. Un rapporto più forte tra Italia e Francia contribuisce a costruire un’Unione europea più forte, tanto più necessaria oggi di fronte a sfide che solo un’Europa più integrata può affrontare, come la crisi pandemica ha messo in luce”.

Hanno tutti ragione | Nostalgia canaglia, quando la politica sapeva come si elegge un presidente

Il Trattato, un patto tra Italia e Francia, verrà firmato domani mattina al Quirinale dal premier Draghi e da Macron. E’ sotto la responsabilità del governo. E dovrà poi essere ratificato dalle Camere.

“La rafforzata cooperazione tra Italia e Francia deve avere anche l’obiettivo di portare all’interno dell’Unione europea la necessaria ambizione. La dimensione europea è l’elemento chiave in una fase in cui siamo chiamati a superare la crisi legata alla pandemia e a ripartire con rinnovato slancio per affrontare con successo le grandi sfide della transizione ecologica e digitale”, ha detto Mattarella.

Le molte misure previste per rafforzare il dialogo e la cooperazione e stimolare iniziative comuni sono quindi “un investimento nel comune futuro di Italia e Francia”.

Quirinale, Renzi e la mossa Gentiloni che può scompaginare i poli

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source