Trento, il Consiglio provinciale modifica il regolamento dopo le offese sessiste

Pubblicità
Pubblicità

TRENTO – Due consigliere provinciali leghiste del Trentino cambiano gruppo e giù offese sessiste da parte di un collega. È l’antefatto che oggi ha portato ad approvare all’unanimità dal Consiglio provinciale di Trento una risoluzione presentata dalle minoranze – prima firmataria la capogruppo del Pd Sara Ferrari ma sottoscritta anche dalla maggioranza – “per modificare il regolamento del Consiglio provinciale a contrasto di espressioni e comportamenti offensivi e discriminatori da parte dei consiglieri”. E viene approvato anche un corso “di comunicazione non ostile”.

La risoluzione è stata presentata a seguito delle offese sessiste indirizzate dal consigliere Alessandro Savoi alle consigliere Alessia Ambrosi e Katia Rossato per il loro passaggio dalla Lega a Fratelli d’Italia. Nel testo si evidenzia come “la violenza di certi linguaggi non sia rimasta estranea nemmeno negli ambiti istituzionali, che invece dovrebbero essere sempre e comunque immuni da ogni deriva di disprezzo e di odio, come il Consiglio provinciale, luogo del più alto esercizio della democrazia in Trentino”.

Pertanto con la risoluzione approvata i consiglieri “assumono un impegno per lasciare alle nuove generazioni eredità culturali e sociali positive”. Il Consiglio provinciale ha inoltre impegnato il proprio presidente a presentare modifiche al regolamento interno “atte a rafforzare norme e sanzioni per contrastare il ricorso a espressioni e comportamenti offensivi e discriminatori da parte dei consiglieri, tanto più se connotati in termini di odio e discriminazione ai sensi dell’art. 3 della Costituzione”.

Oltre alla risoluzione di Ferrari, il Consiglio provinciale ha approvato la risoluzione presentata da Paolo Zanella per un corso di formazione sulla comunicazione non ostile e le risoluzioni di Alex Marini per affidare al Forum per la Pace un report annuale sull’odio online e per la promozione di campagne di comunicazione sociale via radio.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source