Trento, omicidio Agitu: condannato a 20 anni Suleiman Adams

Pubblicità
Pubblicità

È stato condannato a 20 anni di carcere Suleiman Adams, il ghanese di 33 anni che il 29 dicembre del 2020 ha ucciso a Frassilongo, in Trentino, Agitu Ideo Gudeta. Nella sentenza con rito abbreviato del giudice del Tribunale di Trento, Enrico Borrelli, si applica una pena di 15 anni e otto mesi per omicidio volontario e di quattro anni e quattro mesi per violenza sessuale. È stato stabilito un riconoscimento di 50.000 euro per ciascuna parte civile.

“Giustizia per nostra sorella”, via al processo per l’omicidio di Agitu

Il pubblico ministero Giovanni Benelli aveva chiesto 19 e quattro mesi. Adams, reo confesso, era stato assunto da Agitu come dipendente nel suo allevamento di capre. “Siamo soddisfatti della sentenza – dice l’avvocato Andrea De Bertolini che con i colleghi Elena Biaggioni e Giovanni Guarini hanno rappresentato i familiari della vittima -. E’ una soddisfazione giuridica, nulla potrà ripagare la tragedia. Agitu, una donna che per tutta la nostra comunità è stata vero esempio di integrazione, di riscatto personale, anche legato al dolente vissuto di rifugiata. Un esempio di coraggio e forza interiore. Un simbolo di laica e moderna emancipazione. Proprio per questo il suo omicidio, che nel movente sessuale vede la sua terribile genesi, è stato per tutta la comunità trentina ragione di autentica compartecipata sofferenza”.

Femminicidio, bruciata l’auto di Agitu Gudeta l’imprenditrice simbolo dell’integrazione uccisa un anno fa

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source