Trieste, record di studenti stranieri e 3mila convenzioni per stage e programmi di studio

Pubblicità
Pubblicità

Coordinamento e gestione dei servizi educativi, Scienze Infermieristiche e ostetriche e Geofisica e geodati – Geophysics and data per quanto riguarda le Lauree Magistrali e Assistenza sanitaria per le Lauree Triennali. Sono queste le quattro novità didattiche dell’Università degli Studi di Trieste per l’anno accademico 2021 – 2022 che vanno ad aggiungersi ai 75 corsi già presenti nell’ambito dell’offerta formativa.

Università, le sfide della ripartenza: i fondi del Pnrr, il ritorno in aula e una nuova offerta formativa

I 75 corsi tra lauree triennali, magistrali a ciclo unico e magistrali, garantiscono sbocchi professionali nell’area delle “Scienze Sociali e Umanistiche”, “Tecnologico-scientifica” e in quella delle “Scienze della vita e della salute”. Grande attenzione viene posta alle scuole di specializzazione e alla formazione dottorale: accanto ai già attivi 14 dottorati di ricerca, per l’anno accademico 2021-22 saranno attivati anche i corsi di dottorato in Circular economy e in Applied data science and artificial intelligence. Quest’utlimo dottorato completa il percorso didattico offerto dalla laurea triennale in “Intelligenza Artificiale & Data Analytics” e dalla magistrale in “Data Science and Scientific Computing”. Si tratta di un percorso accademico dal primo al terzo livello su questi temi che non ha eguali in Italia.

L’Università degli Studi di Trieste è ai vertici delle classifiche nazionali e tra le migliori Università del mondo, al 6° posto assoluto fra le italiane nella classifica Best Global Universities. Con un focus sul clima internazionale: l’Università attrae studenti da 90 diverse nazioni e offre programmi di scambio con 50 Paesi nel mondo. Inoltre, il 5,5 % dei laureati è straniero (contro il 3,1 % della media nazionale).

Tra le opportunità per gli studenti, gli iscritti possono beneficiare di più di 3mila convenzioni per stage con enti pubblici, privati e imprese, centinaia di convenzioni per programmi di studio all’estero, master e corsi di perfezionamento che assicurano tempi di ingresso nel mondo del lavoro tra i più competitivi in Italia.

Studiare a Trieste significa anche poter contare su un Ateneo con un sistema di tassazione tra i più favorevoli del Nord Italia: UniTS ha deciso infatti di aumentare la No Tax Area a 25.000 euro, in assoluto tra le più alte nel nostro Paese, e di mantenere la tassazione fino a 30.000 euro, molto inferiore ai limiti nazionali. L’Università di Trieste garantisce inoltre l’erogazione delle borse di studio al 100% degli aventi diritto.

Uno sguardo al futuro. Con un occhio – e non potrebbe essere altrimenti – al mondo del lavoro: l’indagine Almalaurea del 2020 ha indicato l’Università di Trieste al di sopra della media nazionale nella performance occupazionale dei suoi laureati. I laureati magistrali che hanno trovato lavoro a un anno dal titolo sono infatti il 75,5% (contro il 71,7 % della media nazionale) mentre a 5 anni la percentuale sale al 92,2% (contro l’ 86,8% della media nazionale).

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source