Trionfo Sonego a Cagliari. E a Montecarlo Italia con numeri record

Pubblicità
Pubblicità

Va a finire che ci stanno abituando troppo bene, i tennisti italiani. Ogni settimana un azzurro in finale, e qualche volta si vince e qualche volta no: Jannik Sinner si gioca il Masters 1000 a Miami con qualche rimpianto, e poi il tempo di tornare in Europa per aprire la stagione della terra rossa, in Italia a Cagliari, ed ecco il trionfo di Lorenzo Sonego. Una benedizione per il movimento della racchetta: il torinese rimonta Laslo Djere, il serbo campione in carica (aveva vinto nel 2020) che aveva anche sconfitto Lorenzo Musetti nei quarti e si impone al terzo set: 2-6, 7-6, 6-4. Ha confermato le sue doti di lottatore, di giocatore che non s’arrende mai, anche quando la giornata non è delle migliori e riesce ad adattarsi alle caratteristiche dell’avversario, e anche alle avversità meteo (vedi il vento).

Settimana da sogno

Per Sonego la settimana sarda sarà indimenticabile, essendo riuscito a fare doppietta: oltre al titolo in singolare sabato aveva vinto anche quello del doppio insieme all’altro torinese (e classe ’95 come lui) Andrea Vavassori. Non aveva mai vinto sulla terra rossa, è la sua prima volta e dunque si conferma tennista polivalente dopo il suo primo successo sull’erba in Turchia, ad Antalya. Il suo stile da cuore Toro (con tanto di mascherina granata) è in perfetto fair play tennistico, ad esempio nei riguardi del suo partner di doppio: “Andrea era molto ispirato malgrado fosse alla sua prima finale. L’80% del merito va a lui che ha giocato alla perfezione anche quando io sono calato”.

Record a Montecarlo

A Montecarlo, nel Principato, è cominciato il primo Masters 1000 dell’anno sulla terra rossa: l’anno scorso non si disputò e nel 2019 vinse Fabio Fognini (nel giorno di Pasqua). Ci saranno otto azzurri, quindi per noi sarà un’edizione di lusso: Berrettini, Fognini, Sinner, Sonego, Musetti, Travaglia, Caruso e Cecchinato (che ha strappato il pass per ultimo).

Quattro nei primi Trenta

 

Con la vittoria di Cagliari Lorenzo Sonego entra nei primi trenta, precisamente lunedì sarà n. 28 del mondo. Dopo i dieci azzurri nei primi 100, ecco un altro dato statistico storico: quattro nei primi Trenta: Berrettini n. 10, Fognini 18, Sinner 22 e Sonego nuovo entrato.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source