Trump condannato nel processo Carroll: “Abusò di lei e la diffamò, ma non fu stupro”

Pubblicità
Pubblicità

Il tribunale di New York ha stabilito che Donald Trump abusò di Jean Carroll, ma non fu uno stupro, e la diffamò per respingere le accuse. È il verdetto emesso dalla giuria al processo che si è svolto a Manhattan.

“È una vergogna”, ha commentato il tycoon.

Trump, 76 anni, era accusato dalla scrittrice Jean Carroll, 79 anni, di averla violentata nel ’96 nel camerino dei grandi magazzini Bergdorf Goodman, a New York, e di averla diffamata in un secondo momento, quando aveva respinto le accuse, definendo Carroll una persona che si “era inventata tutto” per avere visibilità e vendere il suo libro.

Il verdetto raggiunto dalla giuria di nove persone, sei uomini e tre donne, è appena stato letto nell’aula del tribunale di Manhattan dove si è svolta la causa civile intentata dalla scrittrice contro l’ex presidente. Trump dovrà pagare 5 milioni di danni alla sua vittima.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *