Turicchi (ex Cdp) verso la presidenza di Ita Airways. Succede ad Altavilla

Pubblicità
Pubblicità

ROMA – Antonino Turicchi, già presidente della holding italiana della multinazionale Alstom, viaggia verso la presidenza di Ita Airways. Lo scrive il sito del Foglio, secondo cui il manager – nato a Viterbo – ha firmato oggi il contratto in vista dell’Assemblea dei soci di Ita che domani ne formalizzerà la nomina.

Alstom, dove ha lavorato, è attiva nella produzione e trasmissione di energia, ma anche nel trasporto ferroviario. Turicchi, dunque, ha delle competenze nel settore dei trasporti.

Ita, senza un partner pronto un piano di tagli per slot e aerei. “Ma i conti per ora tengono”

Dirigente al Mef

Laurea in Economia alla Sapienza di Roma, master in Economia a Torino, Turicchi ha familiarità con il ministero dell’Economia, socio unico di Ita Airways, dove viene assunto come funzionario nel 1994.

Nel 1999 diventa dirigente del ministero e viene assegnato a una Direzione strategica, quella che presidia il debito pubblico del nostro Paese.

Un forte avanzamento professionale si registra nel 2002, quando diventa Direttore generale della Cassa Depositi e Prestiti. Nel 2003, peraltro, proprio Turicchi ne cura la trasformazione in Società per azioni.

Tiene l’incarico fino al 2009, quando trasloca al Comune di Roma come Direttore esecutivo (sindaco Giovanni Alemanno).

Nel cda di Alitalia

L’incontro con il mondo dei trasporti avviene nel luglio 2011 quando diventa Country President per l’Italia del Gruppo Alstom. Importante anche un passaggio nel Consiglio di amministrazione di Alitalia CAI (Compagnia Aerea Italiana).

Ecco gli altri ruoli che ha ricoperto:
– consigliere d’amministrazione di Autostrade per l’Italia e Leonardo,
– presidente del Cda di STMicroelectronics,
ad di
Fintecna
consigliere di Mediocredito del Friuli, Mediocredito di Roma ed Eur Spa.

Lazzerini vede i sindacati

Domani intanto Fabio Lazzerini – presidente e ad di Ita –  vedrà i sindacati di categoria Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl. Il confronto toccherà le questioni più rilevanti, dall’occupazione alle retribuzioni, anche alla luce dei piani di crescita dell’aviolinea per il 2023 con l’ingresso in flotta di 39 nuovi Airbus e l’apertura di nuove destinazioni.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source