Turismo, trasporti e piccole imprese: l’Italia che si ferma chiede più ristori

Pubblicità
Pubblicità

ROMA – Anche le aziende dei trasporti, dei congressi e degli eventi chiedono al governo ristori. E se si dovesse tornare alla didattica a distanza pure i genitori dei bambini che dovranno seguire la lezione da casa potrebbero aver bisogno di permessi retribuiti o nuovi sostegni per pagare la baby sitter. Si allunga di ora in ora la lista dei ristori reclamati da aziende e lavoratori, mentre non sono ancora operativi i nuovi ammortizzatori sociali, che dovrebbero aiutare soprattutto le piccole aziende in difficoltà: «Non ci sono ancora le circolari Inps – spiega la segretaria confederale Uil Ivana Veronese – ma comunque le piccole aziende, che pagano un ammontare inferiore di contributi rispetto alle grandi, hanno…

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

0,25 € alla settimana per tre mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,50€ a settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source