Tv oltre 5 milioni per Natale in casa Cupiello e sui social pubblico diviso

Tv, oltre 5 milioni per “Natale in casa Cupiello”: e sui social pubblico diviso

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

Successo di telespettatori per il “Natale in Casa Cupiello” di Edoardo De Angelis che ha portato il capolavoro teatrale di Eduardo De Filippo nella Napoli innevata di una favola scura. Molto atteso, il film per Rai1 interpretato da Sergio Castellitto, Marina Confalone, Adriano Pantaleo, Tony Laudadio, Pina Turco, Alessio Lapice e Antonio Milo è stato seguito con appassionata partecipazione dai napoletani, e commentato “a caldo” sui social, con evidente disparità di considerazioni.
Segno evidente che il lavoro di De Angelis ha saputo vivacizzare la platea di appassionati “eduardiani” che nel “Natale in Casa Cupiello” vedono la rappresentazione e l’esaltazione dell’universo critico del grande drammaturgo ed attore che lo mise in scena a Napoli per l’ultima volta nel 1976. Nessun paragone, ricalco o sudditanza psicologica da parte della squadra di attori generalmente molto apprezzati.
Il Luca Cupiello di Sergio Castellitto è personaggio nevroticamente non rassegnato nella sua estraneità sociale e familiare, la Concetta di Marina Confalone è incisiva espressione di una forte solitudine umana ed affettiva, il Tommasino di Adriano Pantaleo è originale e drammatica invenzione che si discosta da ogni possibile riferimento precedente. Hanno seguito lo spettacolo secondo le notizie Auditel 5 milioni 636mila spettatori, pari al 23,9% di share: “Natale in casa Cupiello” vince in prime time.  
Commenti di segno opposto sui social. “Grande Castellitto e intero cast. Bisogna osare, e loro ci sono riusciti”, scrive Domenico. “La rappresentazione del De Angelis, benché traslata senza alcun valido motivo nel ’56 (la commedia è del’31), appare sostanzialmente fedele all’ambientazione e sufficientemente aderente al testo – osserva Luigi -. Tuttavia, i tre atti, risultano essenzialmente privi di ritmo: gli attori fanno il loro dovere, ma appaiono svogliati e privi di intensità”. “Ho avuto la fortuna di vedere nel ’75 Eduardo in questa commedia e ogni anno il giorno di Natale tradizione rivederla, questa rappresentazione l’ho guardata con gli occhi di chi apprezza comunque l’iniziativa culturale e mi è piaciuta – annota Adriana -. Gli attori sono stati bravi senza pretese e le opere, in quanto eterne, devono pur essere interpretate e dirette da altri…complimenti a Castellitto”.
“Un risultato importante, di rilevante significato. La Rai con la nuova versione di “Natale in Casa Cupiello” ha reso omaggio a uno dei massimi protagonisti della cultura italiana e ha intrapreso una nuova strada di racconto. L’apprezzamento così massiccio del pubblico è il segno di una grande operazione culturale e di contenuto della Rai che, come sta facendo da tempo, punta su innovazione e qualità coinvolgendo gli spettatori in un rapporto di fiducia reciproca che ci sta dando notevoli soddisfazioni”. E’ quanto si legge in una nota dell’ad Rai Fabrizio Salini.



Go to Source