Twitter, da oggi ‘spunta blu’ solo a pagamento: Elon Musk difende la scelta

Pubblicità
Pubblicità

Elon Musk non arretra. Il patron di Tesla difende la sua controversa decisione di far pagare chi vuole ottenere la certificazione di un account su Twitter, la famosa spunta blu. E da oggi i profili che non hanno pagato perderanno l’agognato simbolo.
“I social media che non faranno lo stesso falliranno”, ha dichiarato il miliardario a poche ore dallo scadere dell’ultimatum, spiegando che si possono facilmente “creare 10mila o 100mila account Twitter falsi utilizzando un solo computer da casa e l’intelligenza artificiale. Questo è il motivo per cui bisogna stringere le maglie della certificazione e fare in modo che per ottenere la spunta blu servano un numero telefonico verificato e una carta di credito. La mia previsione è che qualsiasi social network non lo farà, fallirà”, ha aggiunto.

Negli Stati Uniti il piano di abbonamento, chiamato ‘Twitter Blue’, costa 8 dollari al mese. Dalla sua creazione nel 2009, la spunta blu è diventata un elemento distintivo che ha aiutato la piattaforma a diventare un forum affidabile per i giornalisti e gli attivisti. Ma a poche ore dalla decisione lo scorso anno, Twitter è stato inondato da account verificati ma falsi che fingevano di essere grandi aziende, personaggi famosi e persino lo stesso Musk.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *