Twitter, Elon Musk entra nel cda: la mossa dopo la salita al 9,2% del social network

Pubblicità
Pubblicità

MILANO – Elon Musk non si acconenta di esser un socio forte di Twitter. Il vulcanico imprenditore sudafricano, fondatore della Tesla e di SpaceX, sta per entrare nel consiglio di amministrazione del social network: la notizia arriva un giorno dopo la rivelazione che lo stesso Musk (l’uomo più ricco al mondo secondo il Bloomberg billionaires index, con un patrimonio che sfiora 290 miliardi) ha acquisito una partecipazione del 9,2% nella piattaforma di social media.

Twitter ha depositato un documento che riporta un accordo stipulato lunedì con Musk, che che darà al miliardario un posto nel consiglio ci amministrazione, con il termine che scade all’assemblea annuale degli azionisti nel 2024.

Musk, da solo o come membro di un gruppo, non sarà autorizzato a possedere più del 14,9% delle azioni in circolazione di Twitter per tutto il tempo in cui sarà membro del consiglio e per 90 giorni dopo l’eventuale decadenza dal ruolo.

Proprio lunedì Musk si è già messo in moto con una proposta di cambiamento per il social. Dopo aver svelato la sua quota che vale circa 3 miliardi (ed è la maggiore tra gli azionisti del sito di microblogging), ha posato un sondaggio ai suoi numerosi follower: “Do you want an edit button?”, ha chiesto, ovvero la possibilità di editare i tweet, con una significativa doppia opzione si/no scritta però con un refuso (“yse/no”).

Il ceo di Twitter, Parag Agrawal, ha ripreso il sondaggio di Musk chiedendo di votare con accortezza, perché verrà preso in seria considerazione. Poco dopo, all’ufficializzazione dell’ingresso nel board, ha scritto che Musk “porterà un valore aggiunto al nostro board. E’ sia un appassionato sostenitore, sia un ardente critico del servizio ed è esattamente quello di cui abbiamo bisogno” ha aggiunto.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source