131844557 f1794794 cfe8 4293 93e3 6e7f4e568eae

Ucciso al torneo di calcetto a Milano: 38enne morto per una lite tra tifosi di squadre rivali peruviane

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

131844557 f1794794 cfe8 4293 93e3 6e7f4e568eae

Una lite tra tifosi di due squadre di calcio, finita con un omicidio. E’ quello che è accaduto sabato pomeriggio, in via del Ricordo 58 a Milano, in uno dei campetti di calcio della zona tra via Padova e il quartiere Adriano. Si stava svolgendo una partita di un torneo di calcio a cinque,  la “Sùper League” come l’avevano chiamata gli organizzatori, partecipanti sedici squadre amatoriali della comunità peruviana milanese: un torneo molto sentito e partecipato. Tra gli spettatori erano presenti dei sostenitori di due differenti squadre di calcio del campionato peruviano tra le quali esiste una rivalità storica: si tratta della “Universitario de Deportes” e la “Alianza Lima”, squadre molto note e seguite che animano uno dei superclassici del calcio sudamericano.

Adrian Yparraguirre Silva, 38 anni e tifoso della Universitario, era a vedere la partita con gli amici e la compagna. Nel pubblico erano presenti anche sostenitori della squadra rivale: durante una delle due semifinali, intorno alle 18,40, uno scambio di battute e un insulto di troppo hanno portato all’aggressione. Adrian è stato colpito da tre coltellate, una fatale sotto il costato che ha raggiunto il cuore. I soccorritori hanno provato a salvare l’uomo intubandolo sul posto, ma da subito le sue condizioni erano apparse gravissime. Due ore dopo è deceduto all’ospedale Niguarda.

Alla partita assistevano tra le cinquanta e le sessanta persone e la situazione era molto caotica. La polizia è attualmente alla ricerca di uno o più responsabili. Chi sia stato materialmente l’autore dell’omicidio è infatti ancora da capire, tuttavia gli agenti della Squadra Mobile che stanno indagando sul caso hanno già ascoltato diversi testimoni (tra cui la compagna dell’uomo ucciso) e hanno ricostruito il quadro della situazione. Sicuramente i sostenitori della Alianza erano in un gruppetto e sono attualmente in fuga, anche se gli agenti sono sulle loro tracce. La polizia sta analizzando anche le immagini delle poche telecamere di sorveglianza della zona.



Go to Source