Ucraina, gli Oscar non ignorano la guerra: il presidente Zelensky possibile ospite

Pubblicità
Pubblicità

Gli Oscar non ignoreranno la crisi in Ucraina: lo ha annunciato la produzione della 94esima edizione dei premi del cinema che si svolgerà a Los Angeles domenica 27 marzo.

“Sono davvero tempi importanti per la storia dell’umanità – ha detto il produttore esecutivo Will Packer durante la conferenza stampa per la cerimonia – e ne siamo consapevoli. Quindi non si può mettere in scena uno show come questo senza tenerne conto o senza trovare un modo rispettoso per riconoscere dove siamo e quanto siamo fortunati persino ad essere riusciti ad organizzare questo spettacolo”. E, secondo il New York Post, ospite della serata potrebbe essere addirittura il presidente ucraino  Volodymyr Zelensky.  Gli organizzatori degli Oscar – secondo l’articolo – non hanno ancora preso la decisione definitiva. Potrebbe trattarsi anche di un video registrato e non di un videocollegamento in diretta.

Qualche giorno fa, era stata Amy Schumer presentatrice della cerimonia con Wanda Sykes e Regina Hall, a suggerire di dare spazio al presidente ucraino in collegamento via satellite. “Ho proposto di trovare un modo per avere in collegamento Zelensky o fare un video registrato solo perché c’è grande attenzione sugli Oscar”, aveva detto Schumer durante un’apparizione al The Drew Barrymore show.

Zelensky, la serie Netflix che ‘anticipava’ il conflitto con la Russia. Quando il presidente-attore sfidava Putin: “Andiamo in Europa”

“Penso che sia una grande opportunità per commentare almeno un paio di aspetti” della guerra in Ucraina, aveva detto l’attrice comica, annunciando che farà “alcune battute per mettere in evidenza la situazione attuale. Voglio dire, stanno accadendo così tante cose orribili che sembra difficile concentrarsi su una”.

L’attrice aveva aggiunto di non essere intimorita dall’idea di affrontare argomenti difficili. “Penso che ci siano delle pressioni tipo ‘questa è una vacanza, lasciamo che la gente dimentichi, che si diverta per una notte’, ma ci saranno così tanti occhi e orecchie puntati su questo show”, aveva concluso l’attrice.

La guerra dei media: creativi e vecchi amici sono le armi di Zelensky

Will Packer non ha specificato se l’idea sia stata accolta o meno, mentre ha spiegato che la costruzione dell’evento è ancora in via di definizione.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source