Ucraina, Mosca limita l’accesso a Facebook e attacca: “Censura i nostri media”

Pubblicità
Pubblicità

Le autorità russe hanno annunciato la “restrizione parziale” dell’accesso a Facebook, dopo che la piattaforma ha limitato gli account di diversi media sostenuti dal Cremlino per l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca. A partire dal 25 febbraio l’uso del social network sarà limitato per i cittadini russi. Anche se non è ancora chiaro cosa prevederanno queste “restrizioni”. L’anno scorso, per esempio, le autorità hanno rallentato la velocità di Twitter in una mossa punitiva.

 

Iscriviti alla newsletter quotidiana gratuita sul conflitto

LO SPECIALE GUERRA IN UCRAINA | FOCUS SENTIERI DI GUERRA

Il Servizio federale per la supervisione della connessione e comunicazione di massa Roskomnadzor ha detto di aver chiesto a Facebook di revocare le restrizioni imposte il 24 febbraio all’agenzia di stampa statale Ria Novosti, al canale televisivo di stato Zvezda e ai siti di notizie pro-Cremlino Lenta.Ru e Gazeta.Ru.

La piattaforma social non ha attuato le richieste e le misure sono entrate in vigore per “proteggere i media russi”. E secondo il ministero degli Esteri russo e l’ufficio del procuratore generale, in questo modo ha violato “i diritti umani e delle libertà fondamentali, nonché dei diritti e le libertà dei cittadini russi”.

Crisi Ucraina-Russia, così immagini fake diventano virali

“Ieri le autorità russe ci hanno ordinato di fermare il fact-cheking indipendente sul contenuto postato su Facebook da quattro organizzazioni media controllate dallo stato. Abbiamo rifiutato. E il risultato è stato l’annuncio della restrizione del servizio”, ha scritto su Twitter Nick Clegg, presidente per i global affairs di Meta, la società a cui fa capo Facebook. “I cittadini russi stanno utilizzando le nostre app e vogliamo che continuino a far sentire le loro voci, che possano ancora condividere contenuti e organizzarsi”, continua Clegg.

Meta, a lungo sotto la pressione della comunità internazionale per la grande diffusione di notizie false sulle sue piattaforme, ha incrementato le sue misure contro le fake news prendendo provvedimenti contro pagine, gruppi, account e domini che pubblicano contenuti valutati come falsi o alterati. L’operazione dell’azienda avviene attraverso tre stategie: rimozione dei contenuti, riduzione della visibilità dei profili che diffondono questo tipo di notizie e la presenza di pop-up che informano gli utenti sull’account in questione.

La resistenza impossibile dell’Isola dei Serpenti. L’Ucraina celebra i suoi 13 soldati eroi schiacciati dai russi

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source