Ucraina, primo ricovero al Bambino Gesù: “Ha un anno ed è grave. I genitori sono riusciti a scappare”

Pubblicità
Pubblicità

Il primo bambino in fuga dall’Ucraina è stato ricoverato al Bambino Gesù. “È arrivato questa mattina all’ospedale pediatrico Bambino Gesù, con i propri genitori” comunicano in una nota congiunta l’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio e l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù. Il piccolo ha poco più di un anno e si tratta di un paziente fragile, la sua condizione di salute è complessa dato che è affetto da una paralisi cerebrale infantile ed è tracheostomizzato fin dall’età di 4 mesi. “I genitori hanno attraversato il confine ucraino e sono riusciti a raggiungere con mezzi propri l’Italia, dove grazie all’aiuto di alcuni parenti sono giunti nella notte in provincia de L’Aquila. Il bambino è stato quindi trasferito in ambulanza all’Ospedale Bambino Gesù, dov’è ricoverato in questo momento in terapia intensiva”, conclude la nota. Si tratta del primo paziente ucraino proveniente dalla zona di guerra che viene ricoverato nel Lazio.

I giovanissimi genitori hanno lasciato la loro città, non distante dal confine occidentale del paese, il 26 febbraio. Una scelta particolarmente difficile dal momento che il bambino necessita di costanti cure e terapia farmacologica, in Ucraina veniva seguito a casa dalla famiglia, in stretto contatto con un ospedale specializzato in malattie pediatriche turco.  Hanno raggiunto il confine con la Polonia il 27 febbraio, dove li aspettava un parente che li ha caricati in furgone fino a casa sua, in provincia dell’Aquila, dove sono arrivati la notte del 28. Durante il viaggio il piccolo si è aggravato e ha avuto alcune crisi convulsive: forse a causa dell’insufficiente terapia fermacologica ricevuta nei giorni di viaggio, oppure per lo stress dovuto alla lunga traversata. Per questo, una volta giunto all’ospedale dell’Aquila è stato richiesto un trasferimento urgente nel polo d’eccellenza di Roma. Il piccolo è stato ricoverato in terapia intensiva per stabilizzare la sua condizione, nel giro di pochi gionri dovrebbe essere fuori pericolo. 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source