Ucraina – Russia, le news dalla guerra oggi. Kiev, 4 navi da guerra russe esplose a Sebastopoli. Mosca: “Attacco terroristico” e sospende accordo del grano

Pubblicità
Pubblicità

Quattro navi da guerra della flotta del Mar Nero della Federazione Russa, tra cui una fregata e una nave d’assalto anfibia, sono esplose oggi nella baia di Sebastopoli. Dopo l’attacco, il governo di Mosca ha sospeso la partecipazione all’accordo sul grano. Secondo Mosca, l’attacco avrebbe interessato anche le navi che si occupano di garantire la sicurezza del corridoio. 

Un altro scambio di prigioneri è stato confermato oggi: 50 soldati ucraini e due civili sono tornati a casa. Mentre la Russia ha annunciato di aver arruolato 300mila persone in un mese e di aver posto fine alla mobilitazione parziale.
 


La guerra in Ucraina, le tensioni globali: cosa c’è da sapere


Le notizie in diretta dal conflitto Ucraina-Russia

Punti chiave

  • Russia sospende partecipazione accordo sul grano

Podolyak su grano, “Putin ha preso in ostaggio Africa e Medio Oriente”

“Ricatto nucleare, terrorismo energetico, blocco del grano. Putin ha trasformato cibo, freddo e prezzi in armi contro il mondo. La Russia di Putin sta scatenando una guerra ibrida contro l’Europa, prendendo in ostaggio l’Africa e il Medio Oriente.
Ciò dimostra ancora una volta che trattare con la Federazione Russa è una perdita di tempo”. Così su Twitter Mykahilo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, dopo l’annuncio di Mosca di sospendere la sua partecipazione all’accordo sul grano.

Cremlino, non previsto colloquio Putin-Erdogan su accordo grano

Il pesidente russo Vladimir Putin non ha ancora in programma di parlare con il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan in relazione alla decisione di Mosca di sospendere la partecipazione all’accordo sull’export di grano dai porti del Mar Nero. Lo ha riferito il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov.

Kiev esclude accordi con Mosca finché guerra in corso 

Kiev è tornata a escludere qualsiasi accordo con la Russia finchè la guerra è in corso, dicendo che Mosca userebbe una tregua delle ostilità per raggruppare le sue forze e raccogliere risorse. “Per la Russia, questa è una guerra di distruzione, per noi è di sopravvivenza. E mentre stanno cercando di eliminarci come Stato e come nazione, qualsiasi accordo con la Russia sarà condannato”, ha twittato Andriy Yermak, capo dell’Ufficio di presidenza ucraina.

Attacco Sebastopoli, Mosca chiede riunione CdS Onu lunedì

La Russia ha chiesto per lunedì una riunione del Consiglio di Sicurezza Onu sull’attacco di oggi a “navi militari e civili russe” al porto di Sebastopoli, in Crimea e che ha detto di considerare un “atto terroristico” da parte di Kiev. Lo riporta l’agenzia Ria Novosti.

Accordo sul grano, oggi Russia notificherà decisione a Guterres

Già oggi la Russia informerà ufficialmente il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, della decisione di sospendere la sua partecipazione all’accordo sul grano. Lo ha annunciato su Twitter Dmitry Polyanskiy, vice inviato russo alle Nazioni Unite.

Kiev, 430 bambini uccisi dall’inizio dell’invasione russa

Sono 430 i bambini rimasti uccisi e 823 quelli feriti dall’inizio dell’invasione russa in Ucraina: ha riferito la Procura generale di Kiev sottolineando che i numeri non sono completi. Lo riportano i media ucraini. La maggior parte dei minori è stata colpita nelle regioni di Donetsk, Kharkiv, Kiev, Mykolaiv, Zaporizhzhia.

Londra replica a Mosca, fake news epiche per nascondere disastri

“Per sminuire la loro disastrosa gestione dell’invasione illegale dell’Ucraina, il ministero della Difesa russo sta ricorrendo a false affermazioni di portata epica. Questa storia inventata dice di più sulle discussioni in corso all’interno del governo russo che sull’Occidente”. Lo ha scritto su Twitter il ministero della Difesa del Regno Unito, rispondendo così alle affermazioni del ministero della Difesa russo secondo cui la marina militare britannica sarebbe coinvolta  nell’attacco odierno alle navi russe a Sebastopoli e nel sabotaggio del gasdotto Nord Stream.

Zaporizhzhia: filorussi, respinto sbarco truppe Kiev in area centrale

L’esercito russo ha respinto un tentativo di sbarco delle truppe ucraine nell’area della centrale nucleare di Zaporozhzhia. Lo ha detto il dirigente filorusso Vladimir Rogov a Ria Novosti. “Ieri sera le truppe ucraine hanno tentato di atterrare sulla riva sinistra del Dnepr a Energodar vicino alla centrale nucleare di Zaporozhzhia. Il tentativo è stato sventato. Il nemico ha subito perdite e si è ritirato”, ha detto Rogov.

(ansa)

Ucraina: forze speciali hanno ucciso vice-capo Gruppo Wagner

L’unità delle forze speciali ucraine Khort ha riferito di aver ucciso il vice-capo dello stato maggiore della compagnia paramilitare denominata Gruppo Wagner. Lo riporta Kiev Independent. Secondo quanto riferito dalle forze speciali, c’è stato uno scontro ravvicinato con il Gruppo Wagner e i mercenari sono stati tutti eliminati. Nell’informazione dell’unità speciale non viene specificata la zona dove è avvenuto lo scontro ma l’unità Khort, riferisce sempre Kiev Independent, è inserita nei ranghi della 57a brigata motorizzata, che sta attualmente partecipando alla controffensiva nel sud dell’Ucraina.

Mosca accusa Londra, è dietro l’attacco di droni in Crimea e sabotaggio Nord Stream

Il ministero della Difesa russo ha accusato la Gran Bretagna di avere contribuito alla preparazione dell’attacco con i droni in Crimea sferrato questa mattina dagli ucraini. I preparativi per l’attacco sarebbero stati condotti – precisa la Tass – da specialisti britannici con sede a Ochakov, nell’oblast di Nikolaev. Tra le accuse mosse oggi a Londra anche quella di aver partecipato alla preparazione e attuazione dell’operazione di sabotaggio dei gasdotti Nord Stream. Lo riferisce l’agenzia russa Ria Novosti.

Kiev, “4 navi da guerra russe colpite a Sebastopoli”

Quattro navi da guerra della flotta del Mar Nero della Federazione Russa, tra cui una fregata e una nave d’assalto anfibia, sarebbero esplose nella baia di Sebastopoli. Lo afferma su Telegram il consigliere presidenziale ucraino Anton Gerashchenko. Il quale scrive che, secondo dati non confermati, tra le navi danneggiate c’è il vettore di missili da crociera Kalibr “Admiral Makarov”: una potente esplosione nell’area dell’ormeggio della nave è stata ripresa in video e pubblicata da Unian. Al momento unità russe hanno completamente bloccato l’ingresso alla baia di Sebastopoli. I russi non confermano i danni alle navi.

Mosca, a Sebastopoli attaccate navi per sicurezza grano

Le navi della flotta del Mar Nero della Federazione Russa che sono state attaccate dai droni ucraini a Sebastopoli, sono coinvolte nel garantire la sicurezza del ‘corridoio del grano’. Lo ha affermato il ministero della Difesa russo, come riportano le agenzie russe. In totale, 16 droni hanno partecipato all’attacco organizzato dalle forze di sicurezza di Kiev: sette droni marini e nove standard, ha aggiunto il ministero della Difesa di Mosca.

Russia sospende partecipazione accordo sul grano

 “La Russia sospende la partecipazione all’accordo sul grano dopo l’attacco terroristico di Sebastopoli contro le navi della flotta del Mar Nero e le navi civili impegnate nella messa in sicurezza del corridoio del grano”. Lo ha riferito il ministero della Difesa russo citato da Tass. “A causa dell’atto terroristico compiuto dal regime di Kiev il 29 ottobre di quest’anno con la partecipazione di specialisti britannici contro navi della flotta del Mar Nero e navi civili impegnate a garantire la sicurezza del corridoio del grano, la parte russa sospende la partecipazione all’attuazione di accordi sull’esportazione di prodotti agricoli dai porti ucraini”, si legge nel messaggio.

(ansa)

007 Kiev, migliori truppe russe a Kherson, in 40 mila sul Dnipro

Secondo il capo dell’intelligence ucraina Kyrylo Budanov le migliori unità russe sono attualmente a Kherson: in gran parte sono truppe aviotrasportate, forze speciali russe e marines. La Russia ha circa 40.000 soldati sulla riva destra del fiume Dnipro, dove si trova la capitale regionale occupata di Kherson. Budanov lo ha detto in un’intervista a The Drive ripresa dai media ucraini, aggiungendo: “l’operazione militare per liberare Kherson durerà fino alla fine di novembre”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source