Ucraina – Russia, le news dalla guerra oggi. Media Gb: “Putin annuncerà la guerra totale”

Pubblicità
Pubblicità

Odessa sotto attacco, bombardamenti su Kharkiv, violenti combattimenti nel Lugansk, Mariupol allo stremo. Il conflitto in Ucraina non conosce tregua. Per la diplomazia non sembra esserci spazio: Mosca usa toni bellicosi che secondo alcuni preludono all’annuncio della “guerra totale”. E prosegue senza sosta la “guerra delle parole” tra Russia e Stati Uniti

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Tutto sul conflitto | Sentieri di guerra | Newsletter | La Giornata | Timeline

00.35 Zelensky: “Le città occupate saranno liberate”

Le città occupate dai russi saranno liberate, anche se “c’è ancora molto lavoro da fare”. Lo ha assicurato il presidente ucraino Zelensky in un messaggio su Telegram. “Gli occupanti sono ancora sulla nostra terra e ancora non riconoscono l’apparente fallimento della loro cosiddetta operazione. Dobbiamo ancora combattere e dirigere tutti gli sforzi per cacciare gli occupanti. E lo faremo. L’Ucraina sarà libera” ha scritto Zelensky, “Kherson, Nova Kakhovka, Melitopol, Berdyansk, Dniprorudne e tutte le altre città e comunità temporaneamente occupate in cui gli occupanti ora fingono di essere ‘padroni’ saranno liberate. La bandiera ucraina tornerà di diritto dove dovrebbe essere. E sarà il ritorno a una vita normale, che la Russia semplicemente non è in grado di fornire nemmeno sul proprio territorio”.

00.03 Kiev chiede alla Cina di fare da garante per la sicurezza

L’Ucraina ha chiesto alla Cina di entrare a far parte del gruppo di Paesi che dovrebbero fare da garanti per mettere fine alla guerra. Lo riferisce il Guardian. In marzo era circolata l’ipotesi che del gruppo di garanti della sicurezza dell’Ucraina potessero far parte i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, e quindi anche la Cina, oltre ad altri Paesi.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *