Ucraina – Russia, le news dalla guerra oggi. Mosca, ponte a Melitopol “minato da sabotatori Kiev”

Pubblicità
Pubblicità

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha ammesso che l’ipotesi di un blackout completo in seguito ai bombardamenti russi “è abbastanza realistica, ma la situazione instabile non spingerà gli ucraini a lasciare il Paese”, ha aggiunto. In caso di nuovi attacchi contro il sistema energetico ucraino, “le persone si sposteranno nelle zone rurali, dove c’è l’opportunità di bruciare legna da ardere”. Sul terreno, gli ucraini hanno dichiarato di aver colpito una base Wagner a Kadiivka e una base russa a Melitopol. Nella notte ci sono stati pesanti bombardamenti su Nikopol. Colpita anche Kherson dove i missili russi hanno causato un ferito.


La guerra in Ucraina, le tensioni globali: cosa c’è da sapere


Le notizie in diretta dal conflitto Ucraina-Russia

Michel ai 27, garantire sostenibilità aiuti a Kiev

“L’Ucraina è, come sempre, al centro delle nostre preoccupazioni. La massiccia escalation militare della Russia dal 10 ottobre, con i suoi ripetuti attacchi alle strutture critiche e alle infrastrutture energetiche dell’Ucraina, ha causato enormi danni alla rete elettrica ucraina. Milioni di civili sono rimasti senza elettricità, riscaldamento e acqua corrente. La situazione, aggravata dall’arrivo della neve e delle temperature sotto lo zero, richiede da parte nostra una risposta adeguata, anche in termini di preparazione e assistenza umanitaria”. Lo scrive il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, nella lettera di invito ai 27 capi di Stato e di governo al vertice Asean-Ue del 14 dicembre e del Consiglio europeo del 15. “Al di là dei bisogni immediati del paese, è necessario anche un dibattito sostanziale su come garantire la sostenibilità del nostro sostegno militare e finanziario all’Ucraina”, aggiunge.

Mosca, ponte a Melitopol “minato da sabotatori Kiev” 

Alla periferia di Melitopol, la città strategica nell’oblast di Zaporizhzhia che da marzo è occupata dai russi, è stato danneggiato un ponte, utilizzato dai russi per trasportare equipaggiamento militare alle truppe nelle zone occupate. Il ponte non è crollato ma il fondo stradale è affondato. La notizia arriva tanto da fonti ucraine che russe. Secondo l’agenzia Ria Novosti, il ponte è stato minato da “sabotatori ucraini”. “L’obiettivo principale dei terroristi è interrompere la fornitura di beni vitali, cibo, medicinali e materiali da costruzione diretti verso i territori liberati delle regioni di Zaporozhzhya e Kherson”, ha detto Vladimir Rogov, presidente del movimento ‘Siamo insieme con la Russia’.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source