Ucraina – Russia, le news dalla guerra oggi. Risoluzione Onu: “Mosca paghi i danni”. A Kherson si teme ‘catastrofe umanitaria’

Pubblicità
Pubblicità

In visita a Kherson il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha definito la liberazione della città “l’inizio della fine della guerra”. Gran parte dell’Ucraina orientale e meridionale, però, è ancora sotto il controllo russo e la stessa città di Kherson è senz’acqua, corrente elettrica e riscaldamento e rimane alla portata di missili e attacchi russi. È “una catastrofe umanitaria”, ha detto il governatore regionale Yaroslav Yanushevych, sottolineando che ripristinare le forniture elettriche è la priorità.

Intanto l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che chiede alla Russia di pagare per i danni causati con l’invasione dell’Ucraina. La guerra è fra i temi dominanti del G20 al via a Bali, dove c’è stato lo storico incontro tra il presidente americano Biden e quello cinese Xi Jinping: dai due leader intesa contro l’utilizzo delle armi nucleari.


La guerra in Ucraina, le tensioni globali: cosa c’è da sapere


Le notizie in diretta dal conflitto Ucraina-Russia

Kiev a Usa, libereremo tutta l’Ucraina senza compromessi

In una telefonata con il capo di stato maggiore congiunto Usa Mark Milley, il comandante in capo delle forze armate ucraine Valery Zaluzhny ha detto che l’Ucraina libererà tutto il suo territorio senza compromessi. Lo ha reso noto Zaluzhny su Telegram citato da Ukrainska Pravda. “Ho assicurato che combatteremo finché ne avremo la forza. Il nostro obiettivo è liberare l’intera terra ucraina dall’occupazione russa. Non ci fermeremo in nessuna circostanza.
L’esercito ucraino non accetterà alcun negoziato, accordo o decisione di compromesso. C’è solo una condizione per i negoziati: la Russia deve lasciare tutti i territori conquistati”.

Zelensky, a Kherson russi hanno distrutto infrastrutture cruciali

Oggi ho tenuto diversi incontri, sia nella regione di Kherson che nella regione di Mykolaiv. Faremo di tutto per ripristinare condizioni di vita normali per la nostra gente”. Lo ha dichiarato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo consueto video serale. “È ovvio a tutti cos’è l’Ucraina, qual è la presenza della nostra bandiera. Quando c’è una bandiera ucraina, c’è civiltà, c’è libertà. C’è la previdenza sociale. Ci sono le infrastrutture. C’è sicurezza. C’è qualcuno che si prende cura delle persone”, ha spiegato. La bandiera russa significa “completa devastazione. Non c’è elettricità, nessuna comunicazione, niente internet, niente televisione. Gli occupanti hanno distrutto tutto, apposta. Questa è la loro operazione speciale. Prima dell’inverno, gli occupanti russi hanno distrutto tutte le infrastrutture cruciali per il popolo”, ha aggiunto Zelensky. “Tutte le strutture importanti della città e della regione sono state minate”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source