Ucraina-Russia, le news di oggi dalla guerra. Il giorno delle nuove sanzioni. Zelensky insiste: “Non sono commisurate ai crimini dei russi, ci vuole di più”

Pubblicità
Pubblicità

E’ il giorno delle nuove sanzioni. Oggi l’Unione europea vara l’ennesima stretta per colpire Mosca nell’economia, mentre gli Usa bloccano ogni nuovo investimento verso la Russia e la Gran Bretagna sceglie di rinunciare al gas. La giornata odierna si chiude con le parole del Papa: “Nell’attuale guerra in Ucraina assistiamo all’impotenza dell’Onu”. Sul piano militare, i bombardamenti non si fermano e dalle città liberate arrivano nuove denunce sulle atrocità commesse dalll’esercito o dai miliziani arruolati da Putin. A Hostomel, dopo il ritiro dei russi, mancano all’appello 400 cittadini.

Dossier: le conseguenze della guerra per l’Italia

Iscriviti alla newsletter quotidiana gratuita sul conflitto | Il podcast La Giornata

DOSSIER: IL CONFLITTO | SENTIERI DI GUERRA | Timeline: gli eventi

01.35 A Gostomel coprifuoco per una settimana

Coprifuoco di una settimana indetto a Gostomel, non lontano da Kiev. Lo riferisce la parlamentare ucraina Lesia Vasylenko. Il coprifuoco parte alle 6 del mattino di oggi ora locale e continuerà fino alle 6 del mattino del 14 aprile. Una “misura necessaria” per sminare la città e consentire ai civili di rientrarvi in sicurezza, afferma la parlamentare nel testo citato da Sky News. La città è sotto l’occupazione delle forze russe da 35 giorni.

01.26 Zelensky chiede blocco totale banche russe su circuiti mondiali

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato che chiederà il blocco completo delle banche russe dal sistema bancario internazionale. In un discorso sui social media, ha affermato che il nuovo pacchetto di sanzioni introdotto dai paesi occidentali nei confronti della Russia non è commisurato alle atrocità commesse. “Questo pacchetto sembra efficace, ma non è sufficiente”, ha ribadito. “Continueremo a insistere su una qualche forma di embargo sulle esportazioni petrolifere russe. È una delle basi dell’aggressione russa”.

01.23 Il sindaco di Mariupol: “Il 90% della città è distrutto”

E’ stato distrutto oltre il 90% della citta ucraina di Mariupol che è sotto l’assedio delle forze russe da oltre un mese e almeno il 40% “non è più recuperabile”. Lo ha affermato il sindaco della città, Vadim Boychenko, citato dalla Cnn, rinnovando anche l’appello per sanzioni più dure contro la Russia e il riconoscimento di crimini di guerra da parte delle istituzioni internazionali.

00.20 Blinken a Bruxelles incontra i ministri degli Esteri

Il Segretario di Stato Usa, Antony J. Blinken ha incontrato oggi a Bruxelles i ministri degli Esteri francese, italiano, tedesco e britannico. Nel corso dell’incontro è stato ribadito l’impegno comune “a sostenere l’Ucraina di fronte all’invasione non provocata e ingiustificata della Russia”, riferisce il portavoce del Dipartimento di Stato Usa, Ned Price. Con Le Drian, Di Maio, Baerbock e Truss è stato concorda di “continuare a lavorare per isolare la Federazione Russa e per porre fine rapidamente alla devastante guerra contro l’Ucraina”.

00.05 Zelensky: “Nuove sanzioni bene, ma non abbastanza”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto che le nuove sanzioni decise dall’Occidente nei confronti di Mosca sono efficaci, ma non sono ancora abbastanza.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source