Ucraina – Russia, le news di oggi dalla guerra: in arrivo nuove sanzioni contro Mosca. Telefonata tra Draghi e Macron

Pubblicità
Pubblicità

Minacce, sanzioni, scontri sul campo. L’Ucraina vive la nuova notte di guerra in attesa di possibili novità sul piano internazionale. Domani la giornata clou con il vertice Ue, quello della Nato, il G7. E, in vista dei summit, c’è stata una telefonata tra il premier Draghi e il presidente francese Macron. Su tutto, il peso della minaccia neppure tanto velata lanciata dal portavoce del Cremlino Peskov: “Useremo le armi nucleari solo se sarà minacciata la nostra esistenza”

Iscriviti alla newsletter quotidiana gratuita sul conflitto | Il podcast La Giornata

DOSSIER: IL CONFLITTO | SENTIERI DI GUERRA | Timeline: gli eventi

LA CRONACA MINUTO PER MINUTO DI MARTEDI’ 22 MARZO

 

00:27 Sullivan: azione Ue per l’autonomia dalla Russia

Il consigliere per la sicurezza nazionale, Jake Sullivan, ha detto che il presidente Biden un’azione congiunta con l’Europa sulla sicurezza energetica per ridurre la dipendenza dal petrolio e dal gas russo. Biden è atteso in Europa dove parteciperà a una serie d’incontri con gli alleati Nato e con i leader del G7 e dell’Unione europea.

00:22 Campagna di Blinken contro la propaganda russa

Il segretario di Stato americano Blinken ha lanciato una campagna contro la disinformazione di Mosca: #StopTheLies, è il messaggio. #StopTheLies”. #StopTheLies”.  Sotto al post pubblicato da Blinken su Twitter c’è un video di due minuti e mezzo, intitolato ‘La verità sulla guerra di Putin, in cui quattro giovani ucraini – Darya, Kyrylo, Bozhena e Victor – raccontano in inglese il dramma della guerra e invitano tutti a condividere messaggi per “fermare le bugie”. e aiutare l’Ucraina.

00:17 Fioccano offerte per l’opera di Bansky per l’Ucraina

Banksy, il quotatissimo street artist di Bristol, è sceso in campo in favore dell’Ucraina mettendo all’asta una delle sue opere con l’intento di finanziare l’ospedale pediatrico più grande di Kiev. Partita da una base di offerta di 20.000 sterline, nello spazio di una giornata la casa d’aste online, myartbroker.co, ha comunicato che ora accetta solo cifre superiori a  40.000 sterline.
Un raddoppio dovuto alle moltissime persone interessate a comprare l’opera pacifista di Banksy che si intitola “CND Soldiers” ed è stata realizzata nel 2005. Sono ritratti due soldati che dipingono su un muro il simbolo della pace e del disarmo nucleare.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source