Ucraina-Russia, le news di oggi dalla guerra. Zelensky chiede una Norimberga per Putin: “Finché c’è la Russia dentro, l’Onu non funziona”

Pubblicità
Pubblicità

Putin, i suoi ministri e i generali dell’esercito russo devono essere processati per genocidio e crimini di guerra, come lo furono i generali di Hitler nel processo di Norimberga. E’ la richiesta che Volodymyr Zelensky, presidente dell’Ucraina, ha rivolto ieri al Consiglio di sicurezza dell’Onu nel suo intervento. Nella notte, sui social, Zelensky è tornato a chiedere la sospensione della Russia da tutti gli organismi internazionali: “Finché c’è Mosca che esercita i suoi veti, l’Onu non è in grado di esercitare le sue funzioni”. La Ue intanto è pronta a varare le nuove sanzioni, mentre il conflitto si estende sul piano diplomatico: anche l’Italia ha espulso 40 membri della sede di rappresentanza russa nel nostro paese. Sul piano militare, la guerra non si ferma e dalle città devastate dai bombardamenti  emergono testimonianze di nuovi orrori.

Dossier: le conseguenze della guerra per l’Italia

Iscriviti alla newsletter quotidiana gratuita sul conflitto | Il podcast La Giornata

DOSSIER: IL CONFLITTO | SENTIERI DI GUERRA | Timeline: gli eventi

01.57 Zelensky: “Sanzioni commisurate ai crimini russi”

“Ora è un momento cruciale, soprattutto per i leader occidentali”, ha detto il presidente ucraino Zelebsky in un discorso sui sociale, chiedendo che il prossimo round di sanzioni contro la Russia sia “commisurato alla gravità dei crimini di guerra degli occupanti”. “Ora Kiev è la capitale della democrazia globale, la capitale della lotta per la libertà per tutti nel continente europeo”, afferma Zelensky.

01.55 Zelensky: “Finché c’è dentro la Russia, l’Onu non funziona”

“Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite esiste, la sicurezza nel mondo no” e poi la Russia “scredita l’Onu e tutte le altre istituzioni internazionali dove tuttora partecipa”. Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, in un discorso diffuso su Facebook. L’Onu, dice il presidente ucraino, “al momento non è in grado di svolgere le funzioni per le quali è stata creata”. Zelensky ha chiesto la rimozione della Russia dall’organismo, dove esercita il potere di veto, affermando che il ruolo di Mosca all’Onu sia “bloccare tutto ciò che è costruttivo e utilizzare l’architettura globale per diffondere bugie e giustificare il male che fa”.

01.07 Cipro non invierà armi all’Ucraina, ma è solidale

Cipro non invierà armi in Ucraina su richiesta degli Stati Uniti, per non ridurre la sua capacità di difesa, ha affermato il capo del ministero della Difesa cipriota, Charalambos Petridis. Lo scrive Ria Novosti, citando fonti dei media. Parlando alla commissione parlamentare, Petridis ha specificato che non esiste tale possibilità, perché il Paese è sotto occupazione. Tuttavia, Cipro è solidale con l’Ucraina e le fornisce assistenza umanitaria.

01.05 Leopoli, allarmi aerei continuano a suonare

A Leopoli e Dinpropetrovshchyna testimoni oculari hanno riferito di esplosioni e gli allarmi aerei continuano a suonare. Lo ha riferito Ukrainska Pravda, citando anche il capo dell’amministrazione militare regionale di Leopoli Maxim Kozitsky: “Le forze di difesa aerea stanno lavorando, stanno proteggendo i nostri cieli pacifici. L’allarme aereo continua. Restate nascosti”.

00.55 Procuratrice: molte denunce di violenze sessuali

La procuratrice generale ucraina, Iryna Venediktova, ha dichiarato che le forze dell’ordine del Paese stanno registrando un numero crescente di segnalazioni di aggressioni sessuali nei confronti di donne, uomini, minori e persone anziane. Il governo ucraino sta lavorando per aiutare le vittime, ha aggiunto, secondo il giornale Kyiv Indipendent.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source