Ucraina – Russia, le news di oggi. Spari ed esplosioni a Kiev. Zelensky: “Abbiamo respinto l’attacco. I russi hanno perso 3.500 soldati, arrivano armi dai nostri partner”

Pubblicità
Pubblicità

Ancora esplosioni a Kiev in quella che il presidente ucraino aveva definito la notte più dura. Dopo che il presidente russo Vladimir Putin ieri aveva invitato l’esercito ucraino a ribellarsi, in serata erano circolate voci di un possibile negoziato con Zelensky. Invece durante la notte si sino susseguiti gli scontri nella zona dello zoo. Intanto la Casa Bianca ha chiesto al Congresso 6,4 miliardi di dollari per assistere l’Ucraina.

11.39 Zelensky: “Respinto con successo l’attacco russo. Kiev e città chiave sono controllate dal nostro esercito”

Abbiamo resistito e respinto con successo gli attacchi nemici. I combattimenti continuano. In molte città e distretti del nostro stato. Ma sappiamo cosa stiamo proteggendo: il Paese, la terra, il futuro dei bambini”. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un nuovo videomessaggio indirizzato alla nazione pubblicato sul suo canale Telegram. Kiev e le città chiave, ha detto “sono controllate dal nostro esercito”

11.20 Il sindaco di Kiev: “Al momento non ci sono truppe russe in città”

“La notte è stata dura, ma non ci sono truppe russe nella capitale. Il nemico sta cercando di entrare in città in particolare dal lato di Gostomel, Zhitomir”. Lo ha detto il sindaco di Kiev Vitali Klitschko, citato da Sky News.

11.03 Medvedev: “Possibile nazionalizzazione di beni Ue ed Usa”

Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione russa Dmitry Medvedev non ha escluso la nazionalizzazione delle proprietà di persone registrate negli Stati Uniti e nell’Ue come ritorsione per le sanzioni adottate dall’Occidente contro Mosca. Lo riporta la Tass.

10.58 Esodo di rifugiati verso la Romania

Al valico di frontiera di Porubne-Siret nella notte la coda ha toccato i 15 km, tanto che il ministero degli Esteri di Bucarest ha invitato la popolazione a usare anche altri valichi. Oggi ci sarà una nuova ondata di arrivi. Sono in particolare le famiglie ad abbandonare l’Ucraina: molti i casi di uomini che accompagnano alla frontiera mogli e figli e tornano indietro per combattere contro i russi. Molti arrivano a piedi da località limitrofe. Sono accolti con pasti caldi.

10.53 Cipro non bloccherà la messa al bando della Russia dal sistema Swift

Lo annuncia in un tweet il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba. “Ce l’abbiamo fatta, Cipro ha confermato che non bloccherà la decisione di mettere al bando la Russia da Swift. La diplomazia ucraina continua a lavorare 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per prendere decisioni importanti e proteggere l’ucraina dagli invasori russi”. Resta da vedere che cosa deciderà l’Ungheria

10.51 Il sindaco di Kiev: “La città è ancora sotto controllo ucraino”

“La notte è stata difficile ma non ci sono militari russi in città”, ha detto in un video postato su Telegram, precisando che “il nemico cerca di avanzare”. Alle 5 di oggi c’erano però 35 feriti, compresi due bambini, ha aggiunto, invitando gli abitanti a cercare riparo. “State nei  rifugi. Abbiamo organizzato posti di blocco, i movimenti in città sono limitati e difficili. Sarà pesante, ma dobbiamo perseverare”

10.45 Londra: “La resistenza ucraina frena l’avanzata russa”

“La resistenza ucraina sta rallentando in modo significativo l’invasione russa, Mosca non ha finora raggiunto gli obiettivi che si era inizialmente prefissata” Lo ha detto James Heappey, del ministero della Difesa britannico alla Bbc. «La resistenza ucraina all’avanzata russa è straordinaria. Tutti gli obiettivi di Mosca – prendere Kharkiv, Kherson, Mariupol, Sumy e anche la presa di Melitopol, che l’esercito russo dice di avere già conquistato — sono al momento falliti. Le colonne di mezzi armati in marcia verso Kiev sono ancora lontane proprio grazie all’incredibile resistenza ucraina».

10.38 La telefonata Zelensky-Draghi

“Questo è l’inizio di una nuova pagina nella storia dei nostri Stati, Ucraina e Italia. Il presidente del Consiglio Mario Draghi in una conversazione telefonica ha sostenuto l’uscita della Russia da Swift, la fornitura di assistenza alla difesa. L’Ucraina deve entrare a far parte dell’Ue”. Lo scrive su twitter il presidente ucraino Zelensky.

10.31 La situazione sul campo, aggiornamento

I russi hanno iniziato a ridistribuire le unità di riserva al confine con l’Ucraina e continuano ad effettuare attacchi aerei su aeroporti e truppe delle Forze Armate ucraine a Est e orientale e nella parte settentrionale della regione di Kiev. Singoli attacchi aerei sono stati effettuato nei distretti di Sumy, Poltava, Mariupol. Dal Mar Nero, sono stati lanciati missili da crociera navali Calibre su tutta l’Ucraina. Le operazioni di aviazione tattica dal territorio della Bielorussia e della Crimea sono controllato da tre velivoli AVAX A-50U dell’Aeronautica Militare russa. Il sistema di comunicazione è supportato da due punti di controllo aereo, aerei ripetitori IL-22. Ci sono gruppi tattici della 35a armata del distretto militare orientale a Mozyr, pronti a colpire obiettivi in ??Ucraina. I russi cercano ancora di assicurarsi una rapida vittoria, sviluppando l’offensiva nella direzione delle maggiori città. A Slobozhansky le forze armate ucraine hanno fermato l’offensiva russa e continuano a combattere nella regione di Kharkiv. A Koblevo una nave con a bordo 20 sabotatori è stata distrutta.

10.13 La Polonia rifiuta di giocare con la Russia per la qualificazione ai Mondiali del Qatar

Lo annuncia la federazione polacca. La partita è in programma il prossimo 24 marzo a Mosca. “Basta chiacchiere, è ora di agire”, ha scritto il presidente della federazione polacco Cezary Kulesza  su Twitter aggiungendo che “è l’unica decisione corretta” e che sta lavorando con le federazioni svedese e ceca per presentare una posizione comune alla FIFA.

10.07 Mosca annuncia di aver colpiti 821 strutture militari ucraine

Secondo il portavoce del ministero della Difesa russo, Konashenkov, durante la notte sono state colpite 821 infrastrutture militari ucraine, fra cui 14 piste di atterraggio militari, 19 centri di controllo, 24 sistemi di difesa aerea missilistica S-300 e Osa, 48 stazioni radar. Sono stati abbattuti 7 aerei da combattimento, 8 elicotteri, 7 droni, 87 carri armati e 28 lanciamissili.

10.06 Le vittime: 198 morti in Ucraina, compresi 3 bambini

Il ministro della Sanità  ucraino, Viktor Lyashko, ha annunciato che 198 persone sono morte – tra loro tre bambini – dall’inizio dell’invasione russa del paese, 1.115 persone sono rimaste ferite. Anche fra queste ci sono bambini: 33.    

10.05 Mosca smentisce di aver colpito un palazzo residenziale di Kiev

Il ministero della Difesa russo ha confermato di aver lanciato la notte scorsa attacchi missilistici contro obiettivi in Ucraina, ma di aver preso di mira solo infrastrutture militari, malgrado siano emersi video di un edificio residenziale a Kiev colpito da un missile. “Sottolineo ancora una volta che il fuoco è stato diretto solo su infrastrutture militari delle Forze armate ucraine. Escludo danni alle infrastrutture residenziali e sociali”, ha detto il portavoce del ministero, Igor Konashenkov.

10.00 Nuovo allarme antiaereo a Kiev

L’amministrazione statale di Kiev ha appena annunciato che un nuovo ed allarme aereo è stato dichiarato nella capitale ucraina.  “Mettetevi subito al riparo nel rifugio più vicino”

9.56 Zelensky scrive su Twitter di aver parlato con Von del Leyen

“L’Ucraina combatte armi in pugno l’invasore, difendendo la sua libertà e il futuro dell’Europa”. Lo scrive su Twitter il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che aggiunge di aver parlato con la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen “di assistenza concreta da parte  dell’Ue al nostro Paese in questa battaglia eroica. Credo che anche l’Ue abbia scelto l’Ucraina”.

9.55 Zelensky ha parlato col presidente del Consiglio Europeo Michel

“L’Ucraina e il suo popolo fanno parte della nostra famiglia. Siamo al loro fianco e rafforziamo il nostro sostegno”. Così su twitter il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel dopo il colloquio telefonico con il presidente ucraino Zelensky.   “La violenza gratuita della Russia è inaccettabile e deve fermarsi. L’indiscriminato bombardamento dei civili è una violazione del diritto umanitario internazionale”.

9.51 Kiev ferma la metro ma lascia aperte le stazioni

La metropolitana di Kiev funziona ora solo come rifugio anti aereo, ha reso noto il sindaco di Kiev, Vitali  Klitschko. Tutti i treni sono fermi, ha precisato.

9.44 Il confine fra Ucraina e Polonia attraversato in 24 ore da 35mila profughi

A dichiararlo è il vice ministro dell’Interno polacco, Pavel Szefernaker  parlando con l’emittente Tvp nella tarda serata di ieri. La maggior parte sono donne e bambini.   

9.43 Forze armate ucraine: “abbiamo ucciso 3500 militari russi”

Le forze armate ucraine affermano di aver inflitto “gravi perdite” all’esercito russo. La nota stampa dell’esercito precisa che circa 3.500 soldati russi sono stati uccisi e 200 catturati dall’inizio dell’invasione.   Ancora, 14 aerei, 8 elicotteri, 102 carri armati e 530 altri veicoli militari sono stati distrutti. I dati non sono però stati verificati in modo indipendente.

9.30 La situazione sul campo

Continua la resistenza degli ucraini a Kiev e in altre città del paese, dove si combatte in strada. Nella capitale si sentono esplosioni ovunque, compreso nel suo cuore, piazza Maidan, quella dove nel 2014 si tennero le proteste che portarono al rovesciamento del governo filo-Mosca. I russi stanno attaccando principalmente tre città – Kiev a nord, Kharkiv a nord-est e Kherson a sud. Il presidente Volodymyr Zelensky ha pubblicato un video su Twitter dove invita i connanzionali a non credere a notizie false di una sua fuga: “Sono qui. Le nostre armi sono la nostra verità”. Video e foto mostravano un edificio residenziale colpito da un missile nel sud-ovest di Kiev, a circa 3 chilometri dal Sikorsky Memorial Airport.

9.30 Iaea: “I reattori atomici non hanno subito danni”

L’ex centrale nucleare di Chernobyl nell’Ucraina settentrionale e i 15 reattori operativi del Pese sono al sicuro. Lo confermano gli esperti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica che fa parte delle Nazioni Unite. “Non c’è un minaccia imminente. Non riteniamo che i russi prenderanno deliberatamente di mira uno di quei reattori”.

9.28 L’appello del ministro degli Esteri ucraino Kuleba: “Fermate i criminali russi”

“Kiev è sopravvissuta” a un’altra notte di attacchi da parte della Russia, paese che deve essere “isolato” dal mondo intero: lo scrive su Twitter il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba: “Chiedo al mondo di isolare completamente la Russia, espellere gli ambasciatori, imporre un embargo petrolifero, rovinare la sua economia.Fermate i criminali di guerra russi!”.

9.11 Missile russo colpisce mercantile giapponese per errore: 1 ferito

Un missile russo ha colpito un mercantile giapponese vicino alla costa ucraina, ferendo uno dei 20 marinai a bordo, tutti filippini. Lo ha riferito l’agenzia nipponica Kyodo, spiegando che non è in gravi condizioni. La nave è la “Namura Queen”, ha potuto proseguire la navigazione ed è diretta in Turchia per valutare i danni

9.10 Macron convoca il Consiglio di Difesa

 Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha convocato il Consiglio di Difesa nazionale per le ore 17 per fare il punto sul conflitto in Ucraina: lo ha riferito l’Eliseo.

8.48 Mosca: “Colpite 821 infrastrutture militari”

Le forze armate russe hanno colpito la notte scorsa “un totale di 821 obiettivi di infrastrutture militari ucraine, di cui 14 piste di atterraggio militari, 19 centri di controllo e nodi di comunicazione, 24 sistemi di difesa aerea missilistica S-300 e Osa, 48 stazioni radar”, ha annunciato il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov. Lo riporta la Tass.

8.41 Macron: “La guerra durerà, meglio prepararsi”

La guerra in Ucraina “durerà” ed è quindi meglio “che ci prepariamo”: lo ha detto il presidente francese Emmanuel Macron al Salone dell’Agricoltura. “La guerra è tornata in Europa. E’ stata scelta unilateralmente dal presidente Putin. Sicuramente ci saranno conseguenze sulle nostre esportazioni per le grandi filiere”, per esempio vino cereali e foraggi, ha detto il capo dello stato all’inaugurazione del salone a Parigi.

8.34 Zelensky: “Ore cruciali per adesione a Ue”

“È un momento cruciale per chiudere una volta per tutte la lunga discussione e decidere sull’adesione dell’Ucraina all’Unione europea”.A scriverlo è ancora il presidente Zelensky su Twitter, spiegando di aver parlato con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel di “ulteriore assistenza efficace e dell’eroica lotta degli ucraini per il loro futuro libero”.

8.33 Zelensky: “Ho sentito Macron, armi ed equipaggiamenti in arrivo”

“Una nuova giornata è iniziata sul fronte diplomatico con un colloquio con Emmanuel Macron. Armi ed equipaggiamenti dai nostri partner stanno arrivando in Ucraina. La coalizione contro la guerra sta funzionando”, ha scritto Zelensky in un tweet

8:15 Biden, 600 mln di dollari in fondi immediati per difesa a Ucraina

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato che sia immediatamente fornita all’Ucraina assistenza militare per un valore di 600 milioni di dollari. Lo scrive Interfax precisando che Biden ha pubblicato un memorandum in cui “delega il Segretario di Stato a fornire assistenza militare immediata all’Ucraina”. In particolare i 600 milioni di dollari saranno così ripartiti: “250 milioni di dollari in assistenza” e “altri 350 milioni di dollari” da assegnare al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti “per articoli e servizi per la difesa” e “per l’istruzione e l’addestramento militare”.

8:07 Mosca, distrutti 7 caccia e 87 carri armati Kiev

Le Forze russe hanno annunciato oggi di avere abbattuto sette aerei da combattimento ucraini, oltre a otto elicotteri e sette droni e di avere distrutto 87 carri armati e 28 lanciamissili MLRS (Multiple Launch Rocket System). Lo ha reso noto il ministero della Difesa russo, secondo quanto riporta Interfax.

7:55 Mosca, abbiamo conquistato Melitopol

L’esercito russo ha conquistato la città di Melitopol. Lo ha annunciato il ministero della Difesa a Mosca.

7:38 Governo ucraino: la Russia ha perso 3.500 soldati, quasi 200 tenuti in ostaggio

Il consigliere dell’ufficio del presidente Mykhailo Podoliak ha annunciato i numeri dopo pesanti combattimenti durante la notte. Il tweet di Zelensky: “Un nuovo giorno in prima linea diplomatica è iniziato con una conversazione con Emmanuel Macron. Armi ed equipaggiamenti da parte dei nostri partner stanno arrivando in Ucraina. La coalizione contro la guerra sta funzionando!”. L’Ucraina combatte contro l’invasione russa e finora “non solo è sopravvissuta ma sta vincendo”: è quanto ha affermato in un video diffuso questa mattina dall’emittente ucraina Dom il consigliere dell’ufficio del presidente Volodymyr Zelensky. Secondo il funzionario, la situazione alle 7 locali è che “nonostante la quantità di risorse impiegate, la Russia non ha guadagnato terreno e le forze armate dell’Ucraina e la polizia continuano a controllare la situazione e l’intero territorio dello Stato. Podolyiak ha detto ancora che i combattimenti continuano a Kherson, Nikolaev e Odessa. “Per ora i russi non sono riusciti a conquistarle”, ha aggiunto. Anche a Kiev, ha sostenuto, la situazione è “sotto controllo”. I combattimenti continuano anche a Mariupol dove, al momento “la città non passa dalla parte della Federazione russa”. Infine, Podolyiak ha confermato che l’esercito russo sta utilizzando nell’attacco “artiglieria, lanciarazzi e aerei”.

7:30 Kiev: la 101a brigata ucraina avrebbe distrutto una colonna di forze russe

Secondo le forze armate ucraine, due auto, due camion con carri armati e un altro carro armato russo sono stati neutralizzati vicino alla stazione della metropolitana Beresteiska sulla riva destra di Kiev. Nella notte le forze armate ucraine avevano respinto con successo un attacco delle forze russe a Mykolaiv, una città vicino al Mar Nero nell’Ucraina meridionale, riporta l’ucraina Verkhovna Rada. Sono seguiti pesanti combattimenti dopo che le truppe russe hanno tentato di sbarcare a Mykolaiv, ma non sono state in grado di sfondare il sistema antiaereo dell’Ucraina, ha affermato il governatore di Mykolaiv Vitaliy Kim. 4 del mattino. Kiev: un attacco a un’unità militare a Kiev è stato respinto dall’esercito ucraino. Le forze d’invasione russe hanno attaccato durante la notte un’unità militare sulla riva sinistra di Kiev, ma le forze ucraine sono state in grado di combatterla con successo, secondo le forze di terra delle forze armate ucraine.

 

7:26 Zelensky, non credete a fake news, sono qui

“Non credete alle fake news, sono ancora qui”: il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha postato un nuovo video su Twitter, respingendo le voci secondo cui era fuggito o aveva ordinato all’Ucraina di arrendersi. Nei 40 secondi di video, Zelenski parla mentre passeggia nel distretto governativo di Kiev, “giurando di continuare a combattere”. “Girano molte informazioni false online secondo cui io invito il nostro esercito a deporre le armi, e che c’è l’evacuazione”, ha detto, secondo quanto riporta traducendo in inglese dall’ucraino il quotidiano Kyiv independent. “Io sono qui. Non deporremo le armi. Difenderemo il nostro stato”. Il presidente, aggiunge la stampa locale, guida in prima persona la difesa del Paese e della sua capitale.

7:08 Media, missili dal Mar Nero. Attacchi aerei

Missili sarebbero stati lanciati contro il territorio ucraino a partire dal Mar Nero. A riferirne è la Bbc, che riporta anche segnalazioni di attacchi aerei in diverse aree, in un’apparente escalation di violenza.

 

07:02 Esplosioni e spari a Kiev nella zona di Vasylkiv

Esplosioni e spari sono stati uditi nelle ultime ore a Kiev: “pesanti scontri” sono avvenuti nella zona di Vasylkiv della capitale ucraina, secondo un post Facebook delle forze armate, che parla di “combattimenti attivi”. Anche il governo ha confermato gli scontri e ha esortato i residenti a rimanere nei rifugi e a non avvicinarsi a finestre o balconi. Secondo ‘The Kiev Independent’, ci sarebbero state circa 50 esplosioni e spari di mitragliatrici nei pressi dello zoo e nella zona di Beresteiska.

06:51 Soldati ucraini; morti oltre 3500 militari russi

Oltre 3500 soldati russi, coinvolti nell’invasione dell’Ucraina, sarebbero stati uccisi, altri 200 fatti prigionieri. A riferire il bilancio sono i militari ucraini, sulla loro pagina Facebook. La Russia, si legge ancora, ha perso 14 velivoli, 8 elicotteri, 102 tank.

06.50 Kiev, in città si combatte strada per strada contro russi 

Sono in corso combattimenti strada per strada a Kiev, contro “l’invasore russo”: lo riferiscono i funzionari di Kiev, esortando la popolazione a cercare riparo.

06.40 Biden approva aiuti militari per 350 mln all’Ucraina

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha approvato l’erogazione di 350 milioni di dollari in aiuti militari all’Ucraina. Lo ha annunciato la Casa Bianca. Biden ha autorizzato il Dipartimento di Stato a dare fino a 250 milioni di dollari in aiuti generali all’Ucraina e fino a 350 milioni per “servizi di difesa”, tra cui addestramento e istruzione militare. L’annuncio è arrivato al termine di una telefonata fra il presidente degli Stati Uniti e il suo omologo ucraino, Volodymir Zelenski.

06:16 Uditi spari nel quartiere del palazzo del governo

Dopo una breve pausa all’alba, sono ripresi gli scontri nella capitale ucraina. Spari sono stati uditi anche vicino agli alloggi del governo

05.45 tv di Stato, Zelensky guida resistenza a Kiev

Il presidente esterno Volodymyr Zelensky si trova nella capitale e sta guidando personalmente la resistenza di Kiev all’invasione russa. Lo ha fatto ssapere l’emittente televisiva di Stato Dom. Intanto i media ucraini hanno diffuso la notizia di una ennesima vittoria sulle forze russe nella capitale. La 101/a brigata ucraina ha distrutto una colonna russa formata da due auto, due camion con carri armati e un altro carro armato, neutralizzati vicino alla stazione di Beresteiska.

05:30 Zelensky rifiuta l’offerta Usa per evacuare: “Voglio munizioni”

“La battaglia è qui. Mi servono munizioni, non un passaggio”. Con queste parole il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha rifiutato l’offerta americana di evacuare Kiev. Lo riporta l’Associated Press citando fonti dell’intelligence americana.

 

05.06 Deputato Duma russa chiede di fermare la guerra

“Penso che la guerra dovrebbe essere fermata immediatamente. Votando per il riconoscimento delle repubbliche di Donetsk e Lugansk ho votato per la pace, non per la guerra. Perché la Russia diventi uno scudo, che faccia in modo che il Donbass non venga bombardato, ma non che Kyiv venga bombardata”: lo afferma in un tweet il deputato della Duma del Partito Comunista Mikhail Matveev.

04.59 Consiglio sicurezza Kiev,’stiamo fermando l’orda’

“Stiamo fermando l’orda nel miglior modo possibile, la situazione a Kiev è sotto il controllo delle forze armate ucraine e dei nostri cittadini”: lo ha affermato il segretario del Consiglio di sicurezza ucraino Oleksiy Danilov, secondo quanto riporta il Kyiv independent

 

04.52  Cina, rispetto sovranità e sì colloqui Mosca-Kiev

Rispetto e salvaguardia di sovranità e integrità territoriale “valgono anche per l’Ucraina”: è uno dei 5 punti della posizione cinese sulla crisi Russia-Ucraina esposta dal ministero degli Esteri Wang Yi nelle telefonate avute con l’Alto rappresentante Ue Josep Borrell, la ministra degli Esteri britannica Liz Truss ed Emmanuel Bonne, consigliere diplomatico di Macron. Gli altri punti sono: “le legittime richieste di sicurezza della Russia”, la moderazione contro l’escalation, la soluzione diplomatica (sì a colloqui Ucraina-Russia) e un no alle risoluzioni ‘leggere’ Onu sull’uso di forza e sanzioni ai sensi del Capitolo VII

04.50 “Russi con divise ucraine sparano a soldati”, battaglia per l’aeroporto

Secondo Ukrainska Pravda, che cita fonti dell’esercito, sabotatori russi travestiti da polizia nazionale si sono avvicinati a un posto di blocco vicino a Vasylkiv, a sud di Kiev, dove sono stati segnalati pesanti combattimenti, e hanno sparato ai soldati ucraini. Subito dopo, un gruppo di soldati russi è arrivato al posto di blocco con un camion. Altre fonti hanno riferito che i soldati ucraini colpiti al checkpoint sono stati uccisi.
“In questo momento – affermano fonti dell’esercito – è in corso una feroce battaglia per l’aeroporto”.

04.44 Ambasciata Usa a connazionali: “Situazione peggiora”

L’ambasciata Usa in Ucraina ha avverito i cittadini americani presenti nel Paese di individuare il rifugio più vicino. In un tweet l’ambasciata avverte che “le condizioni potrebbero peggiorare senza preavviso”. “La situazione della sicurezza in tutta l’Ucraina – si legge – rimane altamente instabile e le condizioni potrebbero deteriorarsi senza preavviso. I cittadini statunitensi dovrebbero rimanere vigili e conoscere la posizione del rifugio o dello spazio protetto più vicino”.

04.37 Respinti attacchi russi su porto e base navale

La difesa aerea delle forze armate ucraine ha respinto una serie di attacchi russi su Mykolaiv (Nikolaev in russo), importante porto sul Mar Nero. Lo ha fatto sapere il capo dell’amministrazione statale regionale Vitaly Kim su Telegram, secondo quanto riferito dalla Ukrainska Pravda. Secondo la stessa fonte, l’aeronautica militare di Kiev ha impedito alle truppe russe di arrivare a Ochakov, una base navale poco distante.
 

04.36 Usa temono Russia possa prendere a breve controllo Kiev

Gli Stati Uniti temono che la Russia possa prendere a breve il controllo di Kiev. Lo riporta la Cnn citando alcune fonti. Le truppe russe si starebbero avvicinando alla città.

04.07 Tass, Kiev attacca nel Donbass, uccisi due civili

L’esercito ucraino ha condotto nove attacchi contro sette località residenziali nella repubblica popolare di Luhansk. L’attacco all’insediamento di Donetsky ha provocato la morte di due residenti”: lo afferma, secondo quanto riporta la Tass, la missione di Lugansk al Centro congiunto per il controllo e il coordinamento.
Il numero degli attacchi quotidiani dell’esercito ucraino sul territorio controllato dalla Repubblica popolare di Luhansk è più che triplicato nelle ultime 24 ore – aggiunge l’agenzia, precisando che gli attacchi hanno danneggiato cinque case.

03.57 Russi si avvicinano a Kiev anche dal cielo

Aerei russi stanno tentando di atterrare nell’area di Vasylkiv, nella regione di Kiev, dove sono stati  segnalati pesanti combattimenti, nell’intento di raggiungere la capitale anche per via aerea. Lo riporta il Kyiv Independent. I media ucraini danno notizia delle ultime operazioni sul terreno: la difesa aerea ucraina ha abbattuto un aereo di supporto ravvicinato russo e un elicottero nel Donbas: un sistema S-300 ha abbattuto un jet russo Sukhoi Su-25 e un elicottero, secondo l’Agenzia ucraina per le comunicazioni.
Altri bombardamenti sono stati segnalati vicino alla centrale elettrica a nord di Kiev, che le forze russe hanno tentato di attaccare per la seconda volta nelle ultime 24 ore. L’esercito ucraino, secondo quanto riferito da fonti di Kiev, avrebbe avuto la meglio. Le forze ucraine hanno poi abbattuto un altro aereo russo da trasporto Il-76 dopo quello colpito nelle scorse ore abbattuto a Vasylkiv, vicino Kiev, secondo fonti ucraine con 150 militari a bordo. Il secondo Il-76 sarebbe stato centrato dalla contraerea ucraina vicino a Bila Tserkva, circa 80 chilometri a sud di Kiev, con oltre 100 paracadutisti pronti a lanciarsi sulla capitale.

03.44 Cina attiva piano di evacuazione dei connazionali

La Cina ha attivato il piano di evacuazione dei connazionali presenti in Ucraina: in una nota, l’ambasciata cinese a Kiev ha assicurato che “tutti torneranno immediatamente a casa non appena le condizioni di volo potranno garantire la loro sicurezza”. L’ambasciata aveva annunciato giovedì l’organizzazione di voli charter per evacuare i cittadini cinesi che desideravano lasciare il Paese, senza fornire dettagli in merito alla data dei voli.

03.43 Cnn, Russia sta attaccando Kiev da più direzioni

 La Russia sta attaccando Kiev da più direzioni. Lo riporta la Cnn secondo la quale le esplosioni sono ai confini della città.

03.30 Le forze ucraine dichiarano di aver respinto un attacco nel centro di Kiev

Le forze armate ucraine hanno dichiarato di aver respinto un “attacco” notturno dei soldati russi contro una delle loro postazioni su Victory Avenue, una delle principali arterie di Kiev. “L’attacco è stato respinto”, ha detto l’esercito ucraino, in un messaggio sul proprio account Facebook, senza fornire ulteriori dettagli sul luogo esatto di questo scontro.

03.06 Nuove pesanti esplosioni. Battaglia in corso per Kiev

A Kiev, continuano a sentirsi esplosioni e colpi di armi automatiche. Lo riportano i media locali.
Secondo il Servizio statale delle comunicazioni, si combatte ancora a Vasylkiv, dove stanno cercando di atterrare i parà russi e sono in corso scontri in un sobborgo orientale della capitale, Kiev. “Il nemico sta cercando di attaccare una centrale elettrica CHP-6 vicino a Troieschyna”, è forse il tentativo di lasciare la città senza luce elettrica. Esplosioni anche a Ovest e Sud della città. Sono state sentite esplosioni anche vicino a piazza Maidan.

03.01 S&P taglia rating Ucraina, possibili altri downgrade

L’agenzia S&P taglia il rating dell’Ucraina a B- e lo mette sotto osservazione con implicazioni negative, avvertendo di fatto che sono possibili ulteriori downgrade. “L’assalto militare russo pone rischi alla crescita economica ucraina, alla stabilità finanziaria e alle sue finanze pubbliche”, afferma S&P in una nota sottolineando che “il creditwatch negativo indica che potremmo tagliare il rating se le incertezze legate al conflitto militare dovessero significativamente indebolire la liquidità, il sistema finanziario o la capacità amministrativa del governo dell’Ucraina”.

02.56  Kazakistan respinge richiesta truppe dalla Russia

Il Kazakistan, uno dei più stretti alleati della Russia, non ha risposto positivamente alla richiesta di Mosca che le sue truppe si uniscano all’offensiva in Ucraina. Lo riferisce l’emittente Nbc, che cita sue fonti. L’ex repubblica sovietica ha anche fatto sapere che non riconosce le repubbliche separatiste sostenute dalla Russia, utilizzate dal presidente Vladimir Putin come pretesto per l’aggressione in Ucraina. Il Consiglio di sicurezza nazionale statunitense ha apprezzato la decisione, salutando “con favore il rifiuto del Kazakistan di inviare le sue forze a unirsi alla guerra di Putin in Ucraina”.

02.54 Esplosioni e spari in alcune zone di Kiev

Oltre 50 esplosioni e pesanti colpi di mitragliatrice sono stati segnalati nelle aree di Shulyavka e vicino allo Zoo di Kiev. Sono stati anche segnalati forti spari vicino alla stazione della metropolitana Beresteiska, non lontana da una struttura militare ucraina. Lo riporta il Kyiv Independent.

02.47 Russia a Onu, accordo per sicurezza congiunta Chernobyl

Le forze ucraine e russe hanno raggiunto un accordo per assicurare in modo congiunto la sicurezza dell’impianto nucleare di Chernobyl. Lo afferma l’ambasciatore russo all’Onu Vasily Nebenzya, sottolineando che Mosca non vuole che Kiev sviluppi una “bomba sporca”.

02.38 Colori Ucraina illuminano ambasciata d’Italia a Washington

L’ambasciata d’Italia a Washington si illumina con i colori dell’Ucraina. Mentre le bandiere italiana ed europee sventolano, sul muro esterno dell’ambasciata sono proiettati i colori giallo e blu dell’Ucraina.

02.36  Russia all’Onu, Kiev usa i civili come scudi umani

La responsabilità di quanto sta accadendo in Ucraina è di Kiev e degli Stati Uniti. È la denuncia dell’ambasciatore russo all’Onu Vasily Nebenzya, secondo il quale Kiev sta usando i civili come scudi umani. “Noi non stiamo combattendo il popolo ucraino e non ci sono prove credibili di morti civili durante la nostra operazione speciale”, aggiunge Nebenzya.

02.34 Media Gb, in campo anche forze speciali cecene

In Ucraina sarebbero giunti nelle scorse ore dei ‘cacciatori’ delle forze speciali cecene con il compito di arrestare o uccidere le massime autorità: lo scrivono alcuni media britannici, tra cui il Mail online, citando un canale Telegram di Mosca collegato all’intelligence. Sui siti compaiono anche alcune fotografie che ritraggono una squadra cecena in una foresta ucraina mentre prende parte a rituali di preghiera prima di potenziali combattimenti. La decisione sarebbe stata presa dopo che Ramzan Kadyrov, leader della repubblica cecena e stretto alleato di Putin ha visitato le sue forze in Ucraina, notizia diffusa dalla tv di Stato cecena. Kadyrov ha incontrato ieri Viktor Zolotov, direttore del Servizio della Guardia Nazionale Federale e comandante in capo delle Forze della Guardia Nazionale Russa, un altro stretto alleato di Putin. Secondo quanto riferito, a ogni singolo componente della squadra, i cui componenti apparterrebbero al battaglione sud del servizio di guardia federale con sede in Cecenia, sarebbero stati consegnati dei ‘mazzi di carte’ con le fotografie dei principali obiettivi. Tra questi, vi sarebbero, tra gli altri, funzionari e agenti di sicurezza sospettati di ‘crimini’ dai russi. Giovedì il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky, aveva detto di avere appreso che membri delle forze speciali russe erano già a Kiev nell’intento di estromettere o eliminare lui e la sua famiglia.

02.26 Colpi di artiglieria uditi a Kiev

02.21 Onu nomina sudanese Amin Awad coordinatore crisi

Le Nazioni Unite hanno annunciato la nomina del sudanese Amin Awad come coordinatore della crisi ucraina. “Awad sarà incaricato di guidare l’impegno delle Nazioni Unite”, ha detto il segretario generale Antònio Guterres. “Oggi in Ucraina, nonostante le crescenti sfide operative, l’Onu sta intensificando la fornitura di aiuti, anche alla parte orientale del paese, su entrambi i lati della linea di contatto”, ha spiegato Guterres. “Gli aiuti umanitari si moltiplicano e si diffondono di ora in ora. I civili stanno morendo. Almeno 100.000 ucraini sono fuggiti dalle loro case, e molti hanno attraversato i paesi vicini”, ha aggiunto. Awad ha ricoperto diverse posizioni senior con l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e nelle operazioni sul campo in paesi come lo Sri Lanka e la Macedonia.

02.19 il vice premier ucraino Mykhailo Federov chiede ad Apple di fermare le forniture alla Russia e l’accesso ad App Store

L’Ucraina chiede all’amministratore delegato di Apple Tim Cook di fermare la fornitura di servizi e prodotti Apple alla Russia, incluso il blocco dell’accesso all’App Store. In una lettera il vice premier ucraino Mykhailo Federov chiede aiuto a Cook: “abbiamo bisogno del tuo sostegno dato che nel 2022 la tecnologia moderna è forse la migliore risposta ai carri armati e ai missili”

02.15 Si combatte a Sud Kiev, parà russi cercano atterrare

Pesanti combattimenti sono segnalati a Vasylkiv vicino a Kiev. Lo riporta la stampa ucraina. Vasylkiv è una città di 37mila abitanti a circa 40 chilometri a sud della capitale e ha un aeroporto. Secondo Kiyv Independent, nello scalo sono atterrati paracadutisti russi che si stanno scontrando con le forze ucraine. Altri bombardamenti sono segnalati a Nord di Kiev, vicino alla centrale elettrica, a Troieshchyna. È la seconda volta nelle ultime 24 ore che le forze russe hanno cercato di distruggere la centrale. L’esercito ucraino sta respingendo gli attacchi

02.13  La Francia invierà 500 soldati in Romania

La Francia sta per schierare 500 militari come forza Nato in Romania, dopo che la Russia ha invaso la vicina Ucraina. Lo ha annunciato il capo di stato maggiore dell’esercito. “La Nato ha deciso di rafforzare la sua presenza per dare un segnale molto chiaro di solidarietà strategica posizionandole forze in Romania”, ha detto Thierry Burkhard a Radio France Internationale e all’emittente France24. “Invieremo circa 500 uomini con veicoli blindati”. La Francia manterrà anche una presenza militare in Estonia, che confina con la Russia, almeno fino a marzo.

02.12 Nuove esplosioni vicino Kiev, scontri più a sud

Nuove esplosioni sono avvertite vicino Kiev e scontri violenti si starebbero verificando nel sud della capitale Ucraina. Lo riporta Cnn

01.49 Notte in rifugio improvvisato per 65 orfani di Leopoli

“Stanotte siamo scesi nel rifugio. È una cosa terribile, i bambini hanno il terrore di dormire di sopra nelle camere. Hanno paura perché volano gli aerei, non si sa cosa può accadere di notte. Per questo abbiamo deciso di preparare un rifugio sottoterra dove passeremo tutta la notte”. Lo dice don Mykhaylo Chaban, salesiano e direttore della Casa famiglia Pokrova di Leopoli, che ospita circa 65 bambini orfani

01.41 In Gazzetta decreto per militari in missioni Nato

La Gazzetta Ufficiale ha pubblicato il decreto legge che che autorizza, fino al 30 settembre 2022, la partecipazione di personale militare alle iniziative della NATO per l’impiego della forza ad elevata prontezza, denominata Very High Readiness Joint Task Force (VJTF). È autorizzata, per l’anno 2022, la prosecuzione della partecipazione di personale militare al potenziamento dei seguenti dispositivi della NATO: a) dispositivo per la sorveglianza dello spazio aereo dell’Alleanza; b) dispositivo per la sorveglianza navale nell’area sud dell’Alleanza; c) presenza in Lettonia (Enhanced Forward Presence); d) Air Policing per la sorveglianza dello spazio aereo dell’Alleanza. Complessivamente il decreto legge, che è già in vigore, stanzia 177 milioni di euro per il 2022.

01.39 Kiev, abbattuti un elicottero e un aereo d’attacco russi

“Il sistema missilistico antiaereo S-300 dell’Aeronautica militare delle forze armate dell’Ucraina ha abbattuto due obiettivi nemici: un elicottero e un aereo d’attacco Su-25 delle forze di occupazione russe”. Lo rende noto il comando dell’Aeronautica militare delle forze armate ucraine su Facebook. In precedenza è stato riferito che l’Ucraina ha abbattuto un caccia russo Su-25 vicino a Kalinovka nella regione di Vinnytsia.

01.34 Il presidente del Guatemala ordina il rientro dell’ambasciatore in Russia

Il presidente del Guatema, Alejandro Giammattei, ha richiamato il suo ambasciatore Guisela Atalida Godinez Sazo, esprimendo il supporto all’Ucraina

01.32 Zelensky, veto Russia all’Onu è una macchia di sangue

“Il veto di della Russia è una macchia di sangue sulla targa nel Consiglio di sicurezza dell’Onu, sulla mappa dell’Europa e sul mondo”. Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky su Twitter.

01.26  Guterres, ‘Oggi Onu non ha raggiunto obiettivo’

 “Le Nazioni Unite sono nate dalla guerra per porre fine alla guerra. Oggi quell’obiettivo non è stato raggiunto. Ma non dobbiamo mai arrenderci. Diamo un’altra possibilità alla pace”. Lo scrive su Twitter il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, commentando la risoluzione di condanna – bloccata dal veto russo – per l’aggressione di Mosca all’Ucraina nel Consiglio di Sicurezza.

01.21 Guterres nomina coordinatore delle crisi Onu per l’Ucraina

 Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha nominato Amin Awad del Sudan come vice segretario generale nel ruolo di Coordinatore delle crisi delle Nazioni Unite per l’Ucraina.

01.15 Ue limita accesso capitali russi a mercati finanziari europei

Il pacchetto di sanzioni adottato dal Consiglio Affari esteri Ue contro la Russia amplia ulteriormente le restrizioni finanziarie esistenti, tagliando così l’accesso russo ai più importanti mercati dei capitali. Vieta inoltre la quotazione e la fornitura di servizi in relazione ad azioni di entità statali russe nelle sedi di negoziazione dell’Ue. Introduce nuove misure che limitano in modo significativo gli afflussi finanziari dalla Russia verso l’Ue, vietando l’accettazione di depositi superiori a determinati valori da cittadini o residenti russi, la detenzione di conti di clienti russi da parte dei depositari centrali di titoli dell’Ue, nonché la vendita di titoli denominati in euro a clienti russi. Queste sanzioni riguarderanno il 70% del mercato bancario russo e le principali società statali, anche nel campo della difesa. Aumenteranno i costi finanziari della Russia, aumenteranno l’inflazione ed eroderanno gradualmente la base industriale russa. Inoltre, vengono prese misure per impedire che le fortune dell’élite russa vengano nascoste in rifugi sicuri in Europa.

01.11 Kiev, abbattuto cargo con parà a bordo

L’Ucraina sostiene di aver abbattuto un aereo russo Ilyushin Il-76 con paracadutisti a bordo nell’area di Vasilkov dove sono in corso pesanti combattimenti. Lo ha reso noto, secondo l’agenzia locale Unian, il comandante in capo delle forze armate ucraine che ha definito l’accaduto “una vendetta” per l’abbattimento di un aereo con paracadutisti ucraini all’aeroporto di Luhansk nel 2014

01.09 Guterres: “I soldati devono tornare nelle caseme”

“L’Onu è nata dalla guerra per porre fine alla guerra. Oggi quell’obiettivo non è stato raggiunto ma non dobbiamo mai arrenderci, dobbiamo dare un’altra possibilità alla pace, i soldati devono tornare nelle caserme”. Lo ha detto il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, dopo il veto russo alla risoluzione che condannava la sua aggressione dell’Ucraina.

01.01 Ue, stop a visti agevolati per funzionari e persone d’affari

Diplomatici, altri funzionari russi e persone d’affari russi non potranno più beneficiare delle disposizioni sull’agevolazione del visto, che consentono un accesso privilegiato all’Ue. Questa decisione non riguarderà i normali cittadini russi. La decisione entra in vigore il giorno dell’adozione. È quanto deciso dal Consiglio Affari esteri Ue che ha approvato il secondo pacchetto di sanzioni contro la Russia.

00.57 Russia a Onu,obiettivi operazione saranno presto raggiunti

Gli obiettivi dell’operazione speciale della Russia in Ucraina saranno presto raggiunti. Lo ha detto l’ambasciatore russo all’Onu, Vassily Nebenzia, durante la riunione del Consiglio di Sicurezza

00.50 Ue vieta export a Mosca di aerei e pezzi di ricambio

L’Ue ha introdotto un divieto di esportazione alla Russia per beni e tecnologia nell’industria aeronautica e spaziale, nonché un divieto di fornire servizi assicurativi e di riassicurazione e manutenzione relativi a tali beni e tecnologia. L’Ue vieterà inoltre la fornitura della relativa assistenza tecnica e finanziaria. È quanto deciso dal Consiglio Affari esteri Ue che ha approvato il secondo pacchetto di sanzioni contro la Russia. Questo divieto di vendita di tutti gli aeromobili, pezzi di ricambio e attrezzature alle compagnie aeree russe degraderà uno dei settori chiave dell’economia russa e della connettività del paese, poiché i tre quarti dell’attuale flotta aerea commerciale russa sono stati costruiti nell’Ue, negli Stati Uniti e in Canada.

00.47 Kiev, bimba nasce in stazione metro usata come rifugio

Nella metropolitana di Kiev, usata come rifugio, è venuta alla luce una neonata alla quale è stato dato il nome di Mia. Lo riferiscono media locali. Non si sa in quale stazione della metro sia nata. Attraverso i social, gli utenti hanno fatto gli auguri alla piccola e ai genitori. “Mentre le granate rimbombano nel cielo – hanno scritto – stanno nascendo piccoli ucraini”.

00.44 Sanzioni Usa a ministro difesa russo e generale Gerasimov

Nel mirino delle sanzioni americane finiscono anche il capo dello Stato Maggiore russo Valery Gerasimov e il ministro della difesa russo Serghiei Shoigu. Lo annuncia il Tesoro americano, la cui lista di sanzioni include anche il presidente Vladimir Putin e il ministro degli Esteri Sergei Lavrov.

00.40 Casa Bianca chiede al Congresso 6,4 miliardi

La Casa Bianca ha detto al Congresso di aver bisogno di 6,4 miliardi di dollari di nuovi fondi per assistere l’Ucraina. Circa 2,9 miliardi delle risorse andranno in aiuti umanitari e di sicurezza, mentre 3,5 miliardi sono per il Pentagono. La Casa Bianca ha comunque precisato che la stima dei fondi richiesti potrebbe cambiare.

00.38 Presidente ucraino: “Con noi un numero senza precedenti di Stati”

“Mentre la Russia continua ad attaccare Kiev, la bozza di risoluzione è stata sostenuta da un numero senza precedenti di Stati membri dell’Onu. Questo dimostra: il mondo è con noi, la verità è con noi, la vittoria sarà nostra!”. Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky su Twitter.

00.07 Usa pronti ad aiutare Zelensky a lasciare Kiev

Gli Stati Uniti sono pronti ad aiutare il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky a lasciare Kiev per evitare di essere catturato o ucciso dalle forze russe.Finora però Zelensky ha rifiutato. Lo riporta il Washington Post citando fonti americane e ucraine.

00.02  Wall Street sconsiglia Russia fuori da Swift

Alcune delle maggiori banche di Wall Street consigliano a Washington di non espellere la Russia da Swift: farlo avrebbe un pesante impatto sull’economia globale. Secondo quanto riportato dall’agenzia Bloomberg, le maggiori banche hanno suggerito ai legislatori e all’amministrazione Biden di procedere con altri tipi di sanzioni per punire la Russia sull’invasione dell’Ucraina.

00.01 Zelensky, il nostro obiettivo è fermare il bagno di sangue

“Il nostro obiettivo principale è mettere fine a questo bagno di sangue”, dice il presidente ucraino Volodymyr  Zelensky nel suo discorso diffuso in video questa sera.
“Il nemico ha sostenuto notevoli perdite – continua – gli ucraini stanno resistendo eroicamente contro l’aggressione che non è giustificata”.

00.00 Si allarga divieto traffico aereo russo, Gb bandisce jet privati

Il Regno Unito ha appena bandito i jet privati russi dal suo spazio aereo, dopo aver annunciato giovedì che anche la compagnia di bandiera russa Aeroflot sarebbe stata bandita.
Lo riporta la Bbc. La Russia ha risposto venerdì vietando le compagnie aeree britanniche. Anche altri paesi hanno vietato il traffico aereo russo. La Bulgaria ha fatto sapere che nessun aereo russo può entrare nel suo spazio aereo da sabato e la Polonia e la Repubblica Ceca hanno agito allo stesso modo. La compagnia aerea russa S7, tra le più grandi del Paese, ha cancellato tutti i voli per l’Europa fino al 13 marzo proprio a causa della chiusura dello spazio aereo.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source