230129848 615612e3 839e 4a63 b972 014cda10595e

Ufo sul radar della portaerei americana Omaha: decine di oggetti circondano la nave e poi spariscono. Silenzio dal Pentagono

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

230129848 615612e3 839e 4a63 b972 014cda10595e

Ancora un documento video rilasciato da Jeremy Corbell, il ricercatore sui fenomeni Ufo – Uap che aveva messo online gli ormai famosi video dalla portaerei Omaha, quelli con gli oggetti volanti “piramidali” e successivamente quello dell’oggetto “transmediale” che dopo alcune manovre aeree, si immergeva nell’oceano sparendo. A differenza degli altri video pubblicati da Corbell, al momento su questo è importante notare che non ci sono verifiche nè bollini di ufficialità dal Pentagono. Le immagini di questo video sono desecretate ed è per questo motivo che Corbell può diffonderle.

Il video è stato ripreso al largo di San Diego, California. La ricostruzione del ricercatore è dettagliata. Questi oggetti sono stati tracciati dal radar della Omaha, secondo Corbell, in precise condizioni. Le coordinate sono 32°29’21.9”N 119°21’53.0”W, la data il 15 luglio 2019 tra le 21 e le 23. Le stesse quindi dei video precedenti. Si vedono, scrive Corbell, “almeno 14 oggetti, minimo 1,82 metri di diametro, con massa solida. Velocità registrata tra 46 e 158 mph, con un tempo di volo registrato di oltre un’ora. Gli oggetti erano illuminati, non era possibile identificare i punti di lancio o di atterraggio, e sono stati captati da diversi tipi di radar. Fotogrammi estratti da queste immagini, aggiunge Corbell, sono stati inclusi nel briefing del 1 maggio 2021 all’Uaptf, la task force che esamina i casi Ufo-Uap. Nel report si indica che gli oggetti sferici erano in grado di immergersi, ma che nessun mezzo della nave ha poi potuto identificare una volta sott’acqua, nemmeno con l’utilizzo di un sottomarino.



Go to Source