“Un governo di incapaci fa pagare il conto agli italiani”. Dpcm, la rivolta di Giorgia Meloni: “Pronti a tutto per evitare il tracollo”

Libero Quotidiano News

Sullo stesso argomento:

17 ottobre 2020

Giorgia Meloni, appena viste le indiscrezioni sulle nuove misure contro l’emergenza coronavirus, passa subito all’attaco. La leader di Fratelli d’Italia mette nel mirino Giuseppe Conte, Pd e M5s, rei a suo dire di mandare sul lastrico l’economia italiana. “A quattro giorni dal varo dell’ultimo Dpcm – scrive su Twitter – si dice che ne stia per uscire un altro. Nel quale non si escludono chiusure per alcuni settori del commercio. Così rischiamo il tracollo. Non capisco – prosegue -. Il Governo ha avuto mesi per prepararsi alla seconda ondata, ma non ha fatto nulla per controllare i contagi provenienti dall’estero, gestire il trasporto pubblico e le scuole, sanificare città e luoghi pubblici”. E invece niente, come se nulla fosse: “Ora fa pagare la sua incompetenza a chi lavora e produce con chiusure e provvedimenti a casaccio. Siamo pronti a dare battaglia”, promette.

Come lei anche Confcommercio, per ammissione del suo presidente, chiede di ripensare i provvedimenti che stanno trapelando in questi ultimi minuti: “Questa nuova emergenza sanitaria, con coprifuochi e chiusure anticipate dei pubblici esercizi, aumenta l’incertezza e mette a rischio decine di migliaia di imprese”, è il grido di allarme di Carlo Sangalli. Un possibile “coprifuoco serale” con chiusure delle attività commerciali possono infatti costare 1,3 miliardi al mese. “Sono prioritarie – prosegue – misure efficaci anti Covid e con una economia già in ginocchio va assolutamente evitato un secondo lockdown. Il Governo deve sostenere con maggiori e più veloci indennizzi le imprese in difficoltà, altrimenti a fine anno rischieremo gravi, gravissime conseguenze per l’occupazione”, conclude Sangalli.

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi