Un granchio indiano pescato nel mare davanti a Genova

Pubblicità
Pubblicità

Un granchio indiano originario dell’Indo-Pacifico è stato catturato da Simone Orecchia, pescatore della Cooperativa Pescatori Boccadasse, nella acque antistanti Genova, nella zona di fronte alla Lanterna, a circa 50 m di profondità, con un tramaglio per aragoste. Il pescatore ha subito notato la particolarità del crostaceo finito nelle sue reti e ha avvisato i biologi Fulvio Garibaldi e Luca Lanteri del Laboratorio di Biologia della Pesca – Distav – Università di Genova, con i quali collabora da molto tempo.

Si tratta di una femmina di Charybdis feriata, chiamata dagli anglosassoni “granchio crocifisso” per il disegno che porta sulla parte dorsale del carapace. È la quarta segnalazione nel Mediterraneo: la prima risale al 2004 in Spagna, in Catalogna, vicino a Barcellona; la seconda a Livorno nel 2015 e la terza ancora in Spagna, vicino a Tarragona nel 2017.

Biodiversità

Danni agli ecosistemi e malattie, l’impatto delle specie aliene in Europa è devastante

Poiché l’animale era ancora vivo, i biologi hanno contattato Laura Castellano, curatrice del dipartimento Mediterraneo dell’Acquario di Genova, in modo da trasferirlo nelle vasche della struttura, ma dopo 5 giorni il granchio è morto. Il Charybdis feriata nei mari di origine è una specie che vive sia su fondali fangosi che sabbiosi, in acque costiere. I maschi possono raggiungere 1 kg di peso (le femmine fino a 400 gr) e sono pescati attivamente in India e Vietnam.

Si tratta chiaramente di una specie aliena ma, in considerazione delle catture sporadiche avvenute in un arco temporale molto lungo (circa 18 anni), si può ipotizzare che i singoli individui siano arrivati nel Mediterraneo con il trasporto tramite nave. Non essendo ancora stata segnalata la sua presenza nel Mar Rosso, è improbabile che possa essere entrato attraverso il Canale di Suez, come sta accadendo negli ultimi anni con sempre maggiore frequenza per molte specie di pesci e altri organismi marini, favoriti dall’innalzamento delle temperature. Quindi la sua presenza potrebbe essere messa in relazione con la globalizzazione ed intensificazione dei traffici navali.

Inquinamento

Le isole di plastica sono piene di vita, ma per la biodiversità non è una buona notizia

Un altro caso eclatante è quello del granchio reale blu, Callynectes sapidus, appartenente alla stessa famiglia del granchio indiano appena ritrovato, ma originario delle coste americane. Questa specie ha colonizzato molto velocemente quasi tutto il Mediterraneo e ora possiamo parlare di una popolazione mediterranea: L’espansione non è ancora arrivata fino a Genova e per ora le segnalazioni si sono fermate nel levante ligure.

Professioni green

Il custode delle tartarughe aliene: “Così assicuro loro una vita dignitosa”

Le specie aliene che hanno raggiunto il Mar Ligure sono ancora relativamente poche, se confrontate con quello che sta succedendo nella parte meridionale del Mediterraneo. Questo perché il Golfo di Genova è la parte più settentrionale del bacino occidentale del Mediterraneo e per le sue caratteristiche oceanografiche di intenso idrodinamismo, per l’azione dei venti freddi di tramontana, probabilmente mantiene ancora un ambiente meno facile per la colonizzazione da parte di organismi di acque più calde.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source