Un italiano nella Tonga devastata dal vulcano: “Buongiorno da Pompei, vivo qui da trent’anni e ora anche il pesce è avvelenato”

Pubblicità
Pubblicità

“Buongiorno da Pompei…”. È con questo saluto che Gianpiero Orbassano, piemontese trapiantato da tempo a Tonga, saluta tutti coloro che gli chiedono notizie dopo il disastro che ha attraversato l’arcipelago del Pacifico, inn seguito alla gigantesca eruzione del vulcano Hunga Tonga-Hunga Ha’apai. “Fino a tre giorni fa non c’era internet, ora abbiamo un collegamento satellitare provvisorio fornito da Elon Musk, che però funziona a singhiozzo ed è ancora quasi impossibile telefonare all’estero”, premette Gp, come tutti conoscono qui questo artista, fotografo e giornalista torinese che oggi ha 70 anni e che nel 1993 ha deciso di lasciare l’Italia per una nuova vita dall’altra parte del mondo, a 12 fusi orari di distanza dall’Italia.

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€ al mese per 3 mesi, poi 5,99€ per 3 mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,50€ a settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source