164546539 4ad11ab5 f4c8 4a5d 94fc a9ca5d62c06c

Una cabina telefonica come casa, Iasmina salvata dagli abitanti del suo quartiere

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

164546539 4ad11ab5 f4c8 4a5d 94fc a9ca5d62c06c

Chiedeva l’elemosina Iasmina, un volto diventato familiare tra i torinesi che frequentano il mercato di via Cesare Pavese, quartiere Mirafiori Sud, ultimo lembo di città tra la vecchia fabbrica e le campagne che sfiorano l’autostrada. Chiedeva l’elemosina e se ne andava. Dove chissà. E il giorno dopo tornava. Una routine che a un certo punto si è interrotta e gli abitanti del rione l’hanno vista, a sessant’anni, che si sistemava per la notte dentro una vecchia cabina telefonica caduta in disuso. Per due settimane ha creato in quel metro quadrato protetto da quattro vetri il suo giaciglio. In molti l’hanno avvicinata, hanno raccolto il suo racconto di donna rom, con una situazione personale complicata, che aveva avuto dissidi con la propria famiglia e che per quel motivo non tornava al campo.

“Guarda che stanotte mi sono affacciato dal balcone e alle quattro era ancora dentro la cabina”, è stata la telefonata che un residente ha fatto a Vincenzo Camarda, coordinatore della terza commissione della circoscrizione 2, che si occupa di politiche sociali e integrazione. “Il nostro quartiere è ricco di sentinelle che si preoccuoano di ciò che accade sul territorio e che vogliono risolvere i problemi, non rimuoverli. Ed è su queste basi che si è creata una rete di aiuto che funziona”, spiega Camarda. Oltre alla circoscrizione, sono intervenuti anche i servizi sociali.

Iasmina all’inizio rifiutava qualunque aiuto: “Non ho bisogno di niente”, diceva. Ma la gente del mercato non riusciva a voltarsi dall’altra parte: “Fa male alla nostra coscienza, come un fatto che vorremo non vedere e non sapere, ma la povertà è qui, non sono numeri, dobbiamo avvicinarla”, si è fatta avanti una donna del quartiere. Sono arrivati anche i volontari della Boa urbana, ma Iasmina non si è fatta agganciare e non ha accettato l’invito ad andare in un dormitorio. Eppure la gente del quartiere non si è rassegnata: “Nessuno ha la capacità magica di risolvere all’istante problemi, soprattutto come in questo caso, sono anni che la signora è in difficoltà, ci vuole fiducia”, ha raccontato un residente. Non è stato facile, ma alla fine Iasmina è stata aiutata a riprendere in mano la sua vita, a riappacificarsi con la famiglia ed è tornata ad avere un tetto sotto cui dormire. “Quando le persone si mettono insieme, aprono piccoli spiragli di luce”, è la lezione di Fabrizio Floris, docente universitario esperto di integrazione e migrazioni, che ha seguito da vicino il caso di Iasmina.



Go to Source