Una mano nuova per Valentina Piztalis, la donna che si salvò dal femminicidio: “Mi risolve la vita” di Carlotta Rocci

Pubblicità
Pubblicità

“Dopo dieci anni sono felicissima di avere di nuovo la mano sinistra, ora non vedo l’ora di imparare ad utilizzarla al meglio”. Così Valentina Pitzalis, 38 anni, che nell’aprile 2011, in Sardegna, fu cosparsa di benzina dall’ex marito, Manuel Piredda, che poi le diede fuoco. L’uomo morì nel rogo, mentre la donna riuscì a salvarsi, riportando gravissime ustioni che, oltre a sfigurarla, resero necessaria l’amputazione della mano sinistra. Pitzalis ha ricevuto dall’Officina ortopedica Maria Adelaide di Torino una mano bionica di ultima generazione – Nexus – ed è la prima persona in Italia a poterla utilizzare.     “Per me questa è una rinascita – ha aggiunto – ora mi sento una super wonder woman.Voglio ringraziare le Officine perchè sono un’eccellenza in Italia, insieme a loro ho trascorso giornate fantastiche, non pensavo fosse così semplice utilizzare la mano”. A spiegare il funzionamento della protesi è Roberto Ariagno, direttore del’Officina ortopedica Maria Adelaide. “La mano è realizzata in titanio e carbonio e utilizza degli elettrodi posti sui muscoli dell’avambraccio.Attraverso la loro contrazione, un software consente di riprodurre quattordici differenti movimenti. Il peso della mano, che  è costruita in Inghilterra, è di circa 450 grammi e con l’invaso che si adatta al moncone non si superano complessivamente gli 800 grammi”. A garantire il funzionamento sono due batterie al litio, che possono essere ricaricate mediante una porta usb. “La mano è garantita per cinque anni – aggiunge il direttore – e ogni anno ècontrollata accuratamente.Al paziente, proprio come avviene con le auto di lusso, durante il periodo di manutenzione viene fornita una mano di cortesia”.”La grande novità di Nexus – spiega Elisa Mighetti, ingegnere biomedico – è che è totalmente personalizzabile. Il pollice ruota in modo automatico, mentre il polso ha un movimento che riproduce in modo fedele quello naturale”.

Di Carlotta Rocci

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source