US Open, per Berrettini esordio vincente A New York

Pubblicità
Pubblicità

La seconda giornata degli US Open di tennis, ultimo Slam dell’anno, comincia bene per l’Italia. Matteo Arnaldi sbriga la pratica Kubler, che si ritira per infortunio dopo aver perso il primo set. Matteo Berrettini, invece, impegnato contro il francese Humbert, ha confermato le motivazioni dette alla vigilia di Flushing Meadows. Ha vinto in tre set: 6-4, 6-2, 6-2 in poco meno di due ore e mezza, offrendo sprazzi e dettagli del suo miglior repertorio.

Partito in quarta (subito con il break), ha poi dovuto rintuzzare il tentativo di ritorno del mancino transalpino che, sul 4-3 Berrettini, con l’azzurro che ha dovuto annullare tre palle break. Psicologicamente è stato il momento devastante per Humbert, che non è più rientrato nel match incassando un doppio 6-2.

Per Berrettini ora ci sarà un altro francese, il giovane Arthur Rinderknech (si è sbarazzato dell’argentino Schwartzman): un altro interessante test verso il ritorno al top della forma: Berrettini non chiede altro che di giocare più partite possibili.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *