Usa assalto al congresso. Riprendono i lavori. Senatori ribelli pronti ad abbandonare la sfida

Usa, assalto al congresso. Riprendono i lavori. Senatori ribelli pronti ad abbandonare la sfida

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

022335514 52a1d1c2 2c75 4522 8396 55f8c5f38336

Dopo l’assalto al Congresso, i senatori sono rientrati sotto scorta in Aula dove sta per riprendere la seduta per la certificazione del risultato elettorale di Joe Biden. La seduta riprenderà da dove si è  interrotta, quando erano stati certificati 12 voti per Trump e ancora nessuno per Biden.

Intanto i senatori repubblicani ribelli sono orientati ad abbandonare la sfida e a non presentare obiezioni sull’elezione. Lo scenario è:  tornano in aula, discutono 30 minuti e votano Biden.

Potrebbe essere tutto finito entro la mezzanotte (le sei del mattino in Italia, ndr).

Aprendo la seduta per certificare la vittoria di Joe Biden, Mike Pence ha condannato l’assalto dei sostenitori di Donald Trump. “Non avete vinto, la violenza non vince mai”, ha detto.

“Hanno cercato di distruggere la nostra democrazia, ma hanno fallito”. Lo afferma il leader dei repubblicani in Senato, Mitch McConnell, parlando di “falsa insurrezione”, di una “ribellione armata” che però non impedirà al Senato di fare il suo lavoro. “Gli Stati Uniti non saranno intimiditi”, ha continuato, assicurando che non si inchinerà all’illegalità.



Go to Source