Usa, corte federale sospende l’obbligo di vaccino o test nelle grandi aziende

Pubblicità
Pubblicità

Una corte federale sospende l’obbligo di vaccino anti-Covid o di test nelle aziende private con oltre 100 dipendenti. La Corte d’appello del Quinto Circuito, composta da un giudice nominato da Ronald Reagan e da due scelti da Donald Trump, conferma lo stop temporaneo deliberato nel fine settimana e infligge un duro colpo alla strategia dell’amministrazione Biden nella lotta alla pandemia.

I contagi nel mondo Le vaccinazioni Timeline

Secondo la corte, che ha sede a New Orleans, l’obbligo “è incredibilmente esagerato, una mazza” che non tiene conto “delle differenze tra posti di lavoro (e lavoratori)”. L’amministrazione, e i fautori dell’obbligo vaccinale, sostengono che in questo modo si frenerà la diffusione del virus e che lo stop “costerà decine o addittura centinaia di morti ogni giorno”. Nel provvedimento, il giudice Kurt Kurt Engelhardt dà di fatto ragione a chi si oppone alla norma voluta dalla Casa Bianca affermando che viola la Costituzione e limita le libertà individuali. “L’interesse pubblico si serve anche mantenendo il nostro ordine costituzionale e la libertà degli individui di prendere decisioni strettamente personali in base alle proprie convinzioni – persino, o forse in modo particolare, quando tali decisioni non sono gradite a rappresentanti del governo”, scrive il magistrato.

Vaccini, negli Usa Pfizer chiede autorizzazione per la terza dose a tutti gli adulti

Parole forti che riecheggiano quelle altrettanto dure pronunciate da Biden in settembre per annunciare l’obbligo di vaccinazione oppure di test settimanali e uso della mascherina in tutte le aziende con almeno 100 dipendenti.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source