Ustica, Procura di Roma valuta di sentire Giuliano Amato

Pubblicità
Pubblicità

Sul caso di Ustica la procura di Roma sta valutando se ascoltare l’ex presidente del Consiglio Giuliano Amato, dopo l’intervista rilasciata a Repubblica in cui Amato ha riferito che molto probabilmente il Dc9 Itavia precipitato il il 27 giugno del 1980 con a bordo 81 persone è stato abbattuto da un missile sganciato da un caccia francese. Per questo motivo la settimana prossima il pm titolare dell’inchiesta Erminio Amelio, l’aggiunto dell’Antiterrorismo Michele Prestipino e il procuratore capo Francesco Lo Voi, faranno un punto per verificare lo stato dell’indagine. 

L’analisi

Strage di Ustica, quarant’anni di depistaggi. La verità senza colpevoli

I magistrati erano orientati ad archiviare l’inchiesta. Ancora, tuttavia, non avevano deciso di chiuderla. Le rivelazioni dell’ex primo ministro però spingono quindi i pm a compiere nuove riflessioni e soprattutto nuovi approfondimenti. Ad ogni modo il tema delle rogatorie è centrale, in passato la Francia nonostante la richiesta di informazioni da parte dei pm romani non si è mai dimostrata particolarmente collaborativa. Adesso le parole di Amato, che confermano quanto disse l’ex presidente Francesco Cossiga più di dieci anni fa, portano i magistrati guidati da Lo Voi a verificare eventuali responsabilità in capo ai francesi.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *