215810276 adf18d8f 72f8 427f 849a bedc5fc547ba 16

“Vacanze senza precauzioni”, Burioni denuncia su Twitter gli annunci No mask

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

215810276 adf18d8f 72f8 427f 849a bedc5fc547ba 16

Vacanze smascherate. In tutti i sensi. Smascherate su Twitter dal virologo Roberto Burioni che ogni domenica (tifa Lazio) e spiega Covid, curve e contagi durante la trasmissione di Fabio Fazio. L’immunologo, tanto per far capire che piega potrebbe prendere l’estate che sta arrivando, ha pubblicato gli screenshot di un gruppo che solo il titolo è già un programma: “Vacanze in Libertà – No restrizioni od obblighi”.

Ed ecco consigli, suggerimenti, strategie e case da affittare per trascorrere ferie dove “non si accettano covidioti mascherati”. Così, si legge in uno dei post.  La villa delle libertà, off limits dunque per chi pensa sia giusto indossare la mascherina,  “è nel cuore dell’Abruzzo a 15 minuti dal mare e a 20 dalle montagne”, recita l’annuncio. Nella stessa chat ecco che rilancia anche un certo Dario. Offre cinque camere da 20 posti letto. Spazio con capacità per cene e pranzi di 100 o più coperti. Paura degli assembramenti? Macchè! “Nessun obbligo di mascherina o di distanziamento” continua Dario che rivolge l’invito a chi è interessato “a un soggiorno di tranquillità, pace e soprattutto libertà”.

E per chi ha voglia di Dolomiti? Burioni pubblica la proposta di un’altra persona che nell’animata discussione su Facebook spiega che le informazioni dello chalet si possono trovare su Booking. Il perchè è presto detto: “Abbiamo deciso di lavorare tramite loro perché non abbiamo più né voglia né tempo per stare davanti al computer tutto il giorno a rispondere se e come mettiamo in atto tutte le norme ‘anticovid'”. La chiusa dell’annuncio va per le spicce: …”se credete a questa farsa allora risparmiate sia a voi che a noi il tempo prezioso… in caso contrario siete i benvenuti in casa nostra…piccola e confortevole”. Ma rigorosamente “Senza termoscanner o vigile all’ingresso che vi chiederà green pass o tamponi…Non ce ne può fregare di meno!”.



Go to Source