Venezia 78. Detenuto e carceriere, gioco a ruoli invertiti per Silvio Orlando e Toni Servillo in ‘Ariaferma’

Pubblicità
Pubblicità

VENEZIA. Toni Servillo e Silvio Orlando, un ispettore carcerario e un detenuto, un incontro che si consuma in una scena tra le celle aperte nel braccio di un istituto in dismissione, in un momento sospeso di sofferenza condivisa. In Ariaferma, fuori concorso alla Mostra e in sala il 14 ottobre, Leonardo Di Costanzo mette in scena “l’assurdità del carcere”, tema che attraversa altri film, il doc Rebibbia Lockdown sul rapporto virtuoso tra studenti carcerati e giovani universitari, l’ucraino 107 mothers sulle donne in carcere, difficile distinguere tra detenute e agenti.
Ariaferma – spiega il regista – l’ho scritto prima della pandemia: i pestaggi come quelli a Santa Maria Capua Venere accadono con regolarità.

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€/mese per 3 mesi poi 5,99€/mese per 3 mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

5€/mese per 3 mesi poi 13,99€/mese per 12 mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source