“Venite, sono più di sei”. Il primo caso di delazione tra vicini con un finale tragicomico: Roberto Speranza ora si scusi

Libero Quotidiano News

Sullo stesso argomento:

18 ottobre 2020

Ve lo ricordate l’appello della scorsa domenica di Roberto Speranza a Che tempo che fa, l’invito alla delazione contro chi riceve più di sei persone in casa? Appello che fece discutere e che, stando ai retroscena, non piacque né a Giuseppe Conte né a Sergio Mattarella. Bene, La Stampa dà conto del primo caso di delazione. Appello accolto, insomma, con finale grottesco. Siamo a Vinovo, dove un uomo ha chiamato le forze dell’ordine dopo aver visto qualcosa che reputava sospetto nel soggiorno del vicino di casa: troppe persone, di sicuro più di sei.

E i carabinieri sono prontamente intervenuti, hanno bussato alla porta indicata del delatore e sono entrati in casa. E qui iniziano lo sorprese. La prima: erano sei, dunque il limite massimo “raccomandato”. Poi la seconda, ancor più clamorosa: tutte le persone in casa indossavano la mascherina. Nemmeno fosse una barzelletta, anche se chi ha ricevuto gli agenti a casa semplicemente perché stava cenando non avrà riso più di tanto. I poliziotti, va da sé, si sono scusati e hanno tolto il disturbo.
Una vicenda emblematica, al netto del finale grottesco, che dovrebbe far riflettere Roberto Speranza, il quale si era già prodotto in una scivolosa marcia indietro nei giorni successivi. Al tempo del coronavirus, in Italia, accade che qualcuno si prenda la briga di chiamare la polizia non per schiamazzi, confusione o illegalità. Ma semplicemente per “rancori” di vicinato e perché sospettoso che qualcuno, in casa sua, abbia ricevuto più di sei persone. Forse, il ministro della Salute, dovrebbe riflettere.

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi