Verdi, scritta intimidatoria sulla porta di casa del leader Bonelli

Pubblicità
Pubblicità

“Stamattina ho aperto la porta di casa e ho trovato questa sorpresa”. Angelo Bonelli, co-portavoce di Europa Verde, racconta della grossa scritta ‘infame’ lasciata nella notte all’ingresso del suo appartamento di Ostia. Bonelli ha sporto denuncia contro ignoti per quella che appare una chiara intimidazione. Al telefono ha una voce scossa. Perché non è la prima volta che si trova di fronte a minacce serie legate alla sua attività politica. Nel 2000, quando si occupava delle spiagge del litorale romano, gli bruciarono mezza casa. Nel 2016 un gruppo di persone si presentò nel cuore della notte sotto casa, dove si trovava con la moglie incinta, e lasciò sullo zerbino uno scatola contenete gli organi di un animale.

Gli autori della scritta non si sono fatti vivi e non hanno rivendicato l’intimidazione. Va ricordato che, recentemente, Bonelli ha presentato due esposti alla magistratura. Uno alla Procura di Milano per l’inchiesta di Fanpage sui presunti fondi neri usati nella campagna elettorale di alcuni dirigenti di Fratelli d’Italia. L’altro, depositato alla Procura di Roma, su Forza nuova e alcune dichiarazioni del loro leader,  Giuliano Castellino (“Dobbiamo chiedere lo scioglimento di questa Camera e di questo Senato. Giurie popolari, togliere il potere ai Pm, scioglimento del Csm e di tutte le organizzazioni politiche che hanno condizionato per decenni la vita del Paese. Io non voglio abbassare il livello. Lo voglio alzare! Abbiamo una nazione da liberare”, aveva detto Castellino).

Una denuncia finita sul tavolo del pm Eugenio Albamonte che indaga su Forza nuova e che potrebbe sfociare nell’intervento della magistratura propedeutico allo scioglimento dell’organizzazione dell’estrema destra.

Bonelli riceve subito la solidarietà dei suoi compagni di partito.  “E’ un messaggio che colpisce tutto il partito di Europa verde, sotto attacco con ripetute minacce”,  scrivono il  co-portavoce dei Verdi-Europa verde di Roma, Guglielmo Calcerano, e Nando Bonessio, neo-eletto consigliere comunale per Europa verde. “Roma non può lasciare spazio alla violenza. Nonostante le pressioni, continueremo nella nostra attività per garantire una città più verde e sicura. Non cederemo davanti all’odio e continueremo a salvaguardare la democrazia in tutte le sedi istituzionali”, dicono i dirigenti Verdi laziali.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source