Verme schifoso Stai attento. Orrore contro Vittorio Sgarbi linciato e minacciato per questa foto di una turca Guarda

“Verme schifoso”, “Stai attento”. Orrore contro Vittorio Sgarbi, linciato e minacciato per questa foto (di una turca) | Guarda

Libero Quotidiano News
Pubblicità
Pubblicità

Sullo stesso argomento:

12 dicembre 2020

Un’opera dal titolo “Turca autentica”, dell’artista Paolo Lelli. Una turca, dove si fanno i propri bisogni, con sopra disegnati su sfondo rosso una mezza luna e una stella a 5 punte, i simboli della bandiera della Turchia. Un’opera postata da Vittorio Sgarbi su Facebook e che si trova al primo piano del museo archeologico di Castiglion Fiorentino, in provincia di Arezzo, dove nella tarda mattinata di oggi, sabato 12 dicembre, lo storico e critico d’arte inaugura “I Mille di Sgarbi”, rassegna di arte contemporanea ideata da Sauro Moretti e Nino Ippoliti che, si spera, apra il prossimo marzo al pubblico. E come rivela Dagospia, il post di quella “Turca autentica” è costata a Sgarbi una sorta di linciaggio da parte di chi si è sentito offeso dall’opera d’arte. “Verme schifoso”, “stai attento cosa fai” e una lunga sequenza di minacce, insulti irriferibili e attacchi virulenti. 

Una vergogna che a cui Sgarbi, ovviamente, ha replicato: “Questa è la degenerazione imposta dal cosiddetto ‘politicamente corretto’, in nome del quale si vuole adesso comprimere anche la libertà creativa dell’artista – ha premesso -. Nel caso specifico l’artista credo abbia solo giocato con le parole, e il titolo dell’opera lo testimonia: Autentica turca. Sì, la mezza luna è anche il simbolo dell’islamismo, ma è una mistificazione sostenere che io, esponendo l’opera, abbia voluto lanciare un messaggio politico o religioso, men che meno al Governo turco. Tra l’altro ho anche molta simpatia per Erdogan”.

E ancora, aggiunge il critico d’arte: “È solo un’opera d’arte,  non una dichiarazione di guerra o un’azione blasfema. Sono rimasto comunque sorpreso per la natura di certi commenti che incitano all’odio e alla violenza contro di me. Chiederò al mio legale di fare le necessarie azioni nei confronti delle autorità di polizia. Ci sono in giro molti esaltati”, conclude Vittorio Sgarbi.

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.



Go to Source