Verona-Fiorentina 1-1: altra rimonta viola, Castrovilli risponde a Lasagna

Pubblicità
Pubblicità

VERONA – Lasagna illude il Verona, Castrovilli firma la rimonta viola. Il 2021 di Hellas e Fiorentina si conclude con un 1-1 sul quale c’è il marchio dell’intensità scaligera per oltre un’ora di gioco e poi quello del carattere degli uomini di Italiano, che non mollano mai. I gialloblù interrompono la serie negativa di due sconfitte consecutive, i gigliati conquistano un punto che permette loro di tenere a distanza la Lazio e vale il quinto risultato utile di fila.

<<La cronaca della gara>>

Lasagna infila Terracciano

In piena emergenza in difesa, viste le concomitanti assenze di Gunter, Ceccherini, Dawidowicz e Magnani, Tudor arretra la posizione di Tameze, costretto ad adattarsi in un ruolo non suo, e si affida a Lasagna per sostituire l’indisponibile Barak sulla trequarti. Italiano, invece, deve fare a meno dello squalificato Biraghi, al posto del quale schiera Terzic, e preferisce Sottil a Callejon nel tridente d’attacco. L’Hellas mostra subito un piglio aggressivo e mette in difficoltà i viola, sorpresi dal pressing e dalla corsa degli scaligeri. Gli sforzi dei padroni di casa vengono premiati al 17′, quando Caprari verticalizza per Lasagna, bravo a scattare sul filo del fuorigioco e a battere Terracciano sul primo palo. I gigliati provano a riorganizzarsi, ma faticano a innescare Vlahovic: a parte un tiro da posizione defilata che scalda i guantoni di Montipò poco dopo la mezz’ora, il serbo resta in ombra per tutto il primo tempo. Per l’attaccante sfuma anche l’occasione di staccare Cristiano Ronaldcome miglior marcatore dell’anno solare in serie A. Entrambi fermi a 32 gol.

Simeone si divora il raddoppio

L’unica vera occasione di marca ospite per ristabilire l’equilibrio nasce da una percussione di Bonaventura che, approfittando di un errore di Veloso, entra in area e vede la sua conclusione a botta sicura murata da un provvidenziale intervento di Sutalo. Il Verona replica una manciata di secondi più tardi, quando Simeone si divora il raddoppio alzando sopra la traversa da ottima posizione. Le difficoltà viola proseguono fino all’intervallo: l’Hellas attende compatto e cerca di ripartire, vanificando una buona chance in uno contro uno capitata a Lasagna. Nel quarto d’ora iniziale della ripresa la Fiorentina conferma carenza di idee e di precisione. Italiano opta, così, per l’inserimento di Saponara, chiamato a dare qualità e imprevedibilità alla manovra  offensiva. Il neo entrato innesca subito un’azione che, a seguito di un’uscita incerta di Montipò, vede Castrovilli concludere di poco sul fondo, ma deve lasciare il campo dopo pochi minuti per una botta al fianco.

Castrovilli firma il pari di testa

L’occasione di Castrovilli rimane un lampo isolato fino all’80’, quando Vlahovic sfiora la traversa con un sinistro velenoso che evidenzia qualche crepa nel Verona, soprattutto a livello di tenuta fisica. L’Hellas abbassa pericolosamente il baricentro e la Fiorentina ne approfitta per pareggiare all’81’ con l’inserimento vincente, in tuffo di testa, di Castrovilli sul cross di Terzic. Il diagonale di Duncan del possibile sorpasso termina sul fondo e, nonostante il pressing finale, i viola non riescono a mettere la freccia. Le difficoltà incontrate per oltre un’ora e il tiro di Hongla ribattuto da Terracciano in pieno recupero danno comunque l’impressione che Italiano si debba tenere stretto il pareggio su un campo che ha già mietuto vittime illustri come Roma, Lazio e Juventus.

Verona-Fiorentina 1-1 (1-0)
Verona (3-4-2-1): Montipò; Tameze, Casale, Sutalo; Faraoni, Ilic, Veloso (1′ st Bessa), Lazovic; Lasagna (35′ st Cancellieri), Caprari (35′ st Hongla); Simeone. All. Tudor.
Fiorentina (4-3-3): Terracciano; Venuti (25′ st Odriozola), Milenkovic, Igor, Terzic; Bonaventura (1′ st Castrovilli), Torreira, Duncan; Gonzalez, Vlahovic, Sottil (18′ st Saponara, 25′ st Callejon). All. Italiano.
Arbitro: Doveri di Roma.
Reti: 17′ pt Lasagna, 36′ st Castrovilli.
Note – Serata fredda, campo in ottime condizioni. Ammoniti: Caprari, Ilic, Terzic. Angoli: 3-8. Recupero: 1′; 5′.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source