Verona, un operaio perde le mani. I medici le reimpiantano entrambe. È il quinto intervento del genere nel mondo

Pubblicità
Pubblicità

Un uomo di Verona è tornato ad avere le sue mani, che aveva perso per un incidente sul lavoro. Un’équipe del centro di chirurgia della mano dell’ospedale della città ha portato a termine con successo il reimpianto contemporaneo delle due mani amputate.

Due squadre di chirurghi hanno operato simultaneamente, una a destra e una a sinistra. Le due mani amputate erano state preservate in una sacca speciale piena di ghiaccio, uguale a quella usata per il trasporto degli organi da trapiantare.

Il quinto caso al mondo

Finora in letteratura erano descritti solo quattro casi nel mondo. Quello di Verona, eseguito dal team guidato da Massimo Corain, è il quinto al mondo, il primo in Veneto, reso possibile dall’organizzazione del Trauma Center regionale. L’operazione è avvenuta alcune settimane fa, ed è stata resa nota solo ora, dopo le dimissioni del paziente.

L’incidente sul lavoro

Il Suem 118 aveva soccorso l’uomo a Vicenza. Una macchina per la lavorazione del legno gli aveva tranciato le mani all’altezza del polso. Mentre l’ambulanza lo portava all’ospedale di Borgo Trento, le due équipe si preparavano a operare.

L’intervento in simultanea

Quattro microchirurghi hanno lavorato per 7 ore e mezza in simultanea sui due arti. Il paziente è rimasto ricoverato 4 settimane presso la struttura veronese, anche per il rischio di complicanze vascolari o infettive.

Ora è affidato a un reparto di rieducazione funzionale. Ci vorranno parecchi mesi di riabilitazione, ma le sue mani gli permetteranno di eseguire i compiti più semplici della vita quotidiana, come nutrirsi e curare la propria igiene.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *