Violenze di Capodanno a Milano, due fermati per pericolo di fuga: stavano scappando da Milano e Torino

Pubblicità
Pubblicità

Ci sono due fermati per pericolo di fuga nell’indagine coordinata dalla procura di Milano e condotta dalla Squadra mobile sulle aggressioni e molestie avvenute la notte di Capodanno a Milano nei confronti di almeno nove ragazze. Ieri sono stati perquisiti 18 giovani ritenuti gli autori delle violenze. Emesso questa notte dopo le perquisizioni e dopo una serie di riscontri, anche sentendo le vittime, due decreti di fermo, a carico di due autori di reato per violenza sessuale.

Sala e le violenze di Capodanno: “Sulla sicurezza faremo di più”

Quelli che stavano scappando sono due ragazzi del Duemila e del 2003, uno fermato a Torino e uno a Milano, gli indizi sono stati raccolti sulla base di perquisizioni video e riscontri. Uno dei due avrebbe partecipato all’aggressione alla ragazza con il cappotto rosso, l’altro all’aggressione a quattro ragazze, tutte 19enni e 20enni.

Violenza di Capodanno a Milano: due arrestati, uno è di Torino

I due giovani fermati su decreto della Procura di Milano avrebbero compiuto “pesanti violenze sessuali quasi complete accompagnate da rapine di cellulari e borsette”: lo ha spiegato il procuratore milanese facente funzione Riccardo Targetti che ha reso noto il fermo dei due giovani, uno a Milano e uno a Torino di 21 e 18 anni, aggiungendo che entrambi sono “italiani di seconda generazione”. I provvedimenti sono stati eseguiti per un “consistente e concreto pericolo di fuga e gravi indizi”. I due, infatti, non sono stati ritracciati ieri durante le perquisizioni e stavano scappando.

Violenze di Capodanno a Milano, la sicurezza non è di altri: quelle ragazze siamo tutti noi

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source