Virtual Bridal Show 2020 | 2021 by Matrimonio.com

Libero Quotidiano News

Condividi:

12 maggio 2020

(Milano, 12 maggio 2020) – La moda nuziale ricorre al canale digitale per raggiungere le spose in quarantena
● Venticinque marchi come Pronovias, Rosa Clará e Nicole parteciperanno al primo Virtual
Bridal Show internazionale del canale digitale, un’iniziativa innovativa per fornire una soluzione a un problema che riguarda marchi, atelier e future spose.
● Le spose investono mediamente 2.138€ per il loro abito senza considerare gli accessori, secondo Il Libro Bianco del matrimonio, pubblicato da Matrimonio.com con la collaborazione di ESADE e Google.
Milano, 12 maggio 2020 – A causa del periodo di confinamento, è da ormai parecchie settimane che le future spose non possono visitare gli atelier, lasciarsi ispirare e conoscere le nuove tendenze in abiti da sposa. Questa iniziativa nasce quindi con l’obiettivo di poter far arrivare loro tutta l’ispirazione di cui hanno bisogno, fino a casa e, comodamente, attraverso pc o smartphone.
Per le marche è anche l’occasione per mostrare i modelli attualmente presenti negli atelier e quelli non ancora presentati, permettendo loro di lanciare le nuove collezioni 2021. Le consuete sfilate e fiere di moda nuziale internazionali primaverili sono state cancellate e le aziende hanno bisogno di vendere le collezioni di quest’anno e annunciare quelle del prossimo.
Il settore della moda nuziale si trova in un momento di incertezza. Si tratta di un business che, secondo le stime del Sì Sposaitalia, una delle più importanti fiere del settore, muove 600 milioni di euro in abiti da sposa e cerimonia e che è attualmente in fase di stallo. Non è possibile vendere con normalità e nemmeno presentare le nuove collezioni attraverso i canali abituali.
Le spose investono mediamente 2.138 € per il loro abito senza considerare gli accessori, secondo Il Libro Bianco del Matrimonio, pubblicato da Matrimonio.com con la collaborazione di ESADE e Google.
È per questo motivo che, fino al 17 maggio, si svolgerà la prima settimana della moda nuziale virtuale a livello internazionale, il Virtual Bridal Show. Una settimana in cui saranno presentate le collezioni presenti e future di 25 marchi internazionali e locali, ben 16 per l’Italia, che fanno tendenza in diversi Paesi: Italia, Spagna, Francia, Messico e fino a 10 paesi di Europa e America Latina.
I marchi che partecipano: Atelier Pronovias, Rosa Clará, Justin Alexander, Nicole Couture, Morilee, Lillian West, Allure Bridal, Monica Loretti, David’s Bridal, Cymbeline, Maggie Sottero, ADORE by Justin Alexander, Atelier Emé, Carlo Pignatelli, Eglantine Créations e Cleofe Finati.
In Italia, le sfilate verranno pubblicate quotidianamente da matrimonio.com, dall’11 al 15 maggio, attraverso i suoi social network. Il calendario si può consultare in
Queste sono le opzioni:
Instagram Stories:
Facebook:
Youtube:
Pinterest: @
Inoltre, durante il fine settimana, verranno forniti alle spose e agli sposi alcuni consigli su come avanzare con la ricerca degli abiti, i tagli più appropriati per ogni silhouette e trucchi per trovarlo da casa.
Nina Perez, CEO di Matrimonio.com afferma che “il canale digitale dimostra da anni di essere il miglior alleato per raggiungere le coppie millennials e, soprattutto in un momento come quello che stiamo vivendo oggi, noi di Matrimonio.com vogliamo dare supporto a tutti i professionisti del settore, naturalmente anche a quelli della moda, per aiutarli a continuare la loro attività e a comunicare con gli sposi del nostro Paese”.
Vediamo così come le grandi aziende del settore nuziale si stiano aprendo la strada all’interno delle nuove tecnologie e, sebbene il mondo della moda abbia una lunga tradizione presenziale, con spettacolari sfilate di collezioni, presentazioni e feste piene di glamour, dimostra di sapersi anche adattare e aprirsi nuove strade per raggiungere le spose.
Riguardo Matrimonio.com
The Knot WorldWide opera in 15 paesi attraverso diversi domini come
Per maggiori informazioni:
Francesca Carminati
Web:

Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi