Virus boom di morti in Piemonte e Val dAosta cosi la seconda ondata uccide molto piu della prima

Virus, boom di morti in Piemonte e Val d’Aosta: così la seconda ondata uccide molto più della prima

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

130504504 a4b7a4c0 3f3d 4bf7 8c01 87878625e93d

“A partire dalla metà di ottobre 2020 diventano via via più evidenti gli effetti della seconda ondata dell’epidemia Covid-19 sulla mortalità totale. In termini assoluti si stima per i mesi di ottobre e novembre 2020 un aumento di decessi per il complesso delle cause di oltre 31.700 unità”. Così Istat e Istituto superiore di Sanità nel rapporto “Impatto dell’epidemia Covid-19 sulla mortalità totale della popolazione residente periodo gennaio-novembre 2020”. Una classifica in cui Piemonte e Valle d’Aosta si trovano rispettivamente al secondo e al primo posto. Anche ieri in Piemonte, a fronte di un calo dei ricoverati nelle terapie intensive, i morti sono stati 56. Salendo così a quota 7860 dall’inizio della pandemia.

Coronavirus, in terapia intensiva ricoverati finalmente sotto quota 200. Risalgono i morti: 56

La seconda ondata, spiegano Iss e Istat, si caratterizza a ottobre per un eccesso di decessi totali del 13% sia al Nord che al Centro-Sud, mentre nel mese di novembre si distingue nuovamente l’eccesso di mortalità del Nord (+61,4%), rispetto al Centro (+39,3) e al Sud (+34,7%).

In molte regioni del Nord l’eccesso di mortalità totale del mese di novembre supera quello del picco di marzo-aprile: il record è in Valle d’Aosta (+139% rispetto al +71 di aprile), quindi ci sono il Piemonte (+98% a novembre rispetto al +77 di aprile), Veneto (+42,8% rispetto al +30,8% di aprile) e Friuli-Venezia Giulia (+46,9% contro +21,1). L’incremento dei decessi registrato a novembre è più basso di quello osservato in corrispondenza della prima ondata dell’epidemia solo in Lombardia (+66% a novembre rispetto al +192 di marzo e +118 di aprile) e in Emilia Romagna (+34,5% rispetto al +69 di marzo).



Go to Source