Voglio tutti i nomi anche se avete solo dei dubbi. Stop traditori la mossa estrema del Cav resa dei conti in Forza Italia

“Voglio tutti i nomi, anche se avete solo dei dubbi”. Stop-traditori, la mossa estrema del Cav: resa dei conti in Forza Italia

Libero Quotidiano News
Pubblicità
Pubblicità

Sullo stesso argomento:

22 gennaio 2021

L’uscita di Renata Polverini, Mariarosaria Rossi e Andrea Causin preoccupa Forza Italia. Silvio Berlusconi teme che alcuni azzurri possano cadere nella trappola di Giuseppe Conte e sostenere il governo. Per questo il leader forzista ha deciso di scendere in campo, dopo aver ricevuto molti appelli da parte dei suoi affinché si spendesse in prima persona per contenere l’emorragia. “Mandatemi l’elenco completo di tutti quelli che ritenete indecisi – ha chiesto ai suoi stando a un retroscena del Corriere della Sera-. Se c’è qualcuno su cui avete meno dubbi, mettetelo comunque nella lista. Tutti quelli che in questo momento potrebbero ricevere una chiamata da Palazzo Chigi, o comunque da qualcuno di Cinquestelle e Pd, devono prima parlare con me”. In gioco c’è il futuro non solo del governo giallorosso, ma anche del centrodestra. Se il premier riuscisse a trovare abbastanza “responsabili”, Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia dovranno aspettare altri anni prima di poter governare. 

Un timore che il Cavaliere vuole a tutti i costi scongiurare. Soprattutto perché – è l’ipotesi che un berlusconiano di altissimo rango sintetizza così – “nel governo Conte danno sia il Psi di Nencini che l’Udc di Cesa come sicuri satelliti della maggioranza allargata. Se con il primo hanno già chiuso, coi centristi il discorso potrebbe essere agevolato dall’improvviso indebolimento del segretario indagato, che infatti si è dimesso subito”. Un modo come un altro per dire che il presidente del Consiglio potrebbe trovare i numeri necessari. E anche in fretta. “Mi metterò anch’io a fare le telefonate”, ha insistito l’ex presidente del Consiglio. Gli indiziati infatti ci sono nonostante le smentite. Tra questi Luigi Vitali, Barbara Masini e Claudio Fazzone. 

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.



Go to Source